contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Volontariato civico, partito il progetto del Comune di Ancona

23' di lettura
1056

Parte anche ad Ancona il servizio di volontariato civico. Coloro che vorranno aderire al progetto potranno iscriversi nell’apposito elenco e saranno coinvolti nei progetti previsti dalle singole direzioni dell’Amministrazione.

A disciplinare il volontariato civico un regolamento predisposto dalla Giunta e approvato dal Consiglio Comunale. Partirà inoltre, in questi giorni una campagna informativa per sensibilizzare e informare gli anconetani sul servizio. Il servizio è stato presentato stamane nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte gli assessori al Volontariato Civico, Andrea Guidotti e alla Partecipazione democratica, Stefano Foresi i quali hanno ribadito quanta sensibilità sia presente in città rispetto al volontariato civico e quanto richieste di poter operare in quest’ambito siano già giunte all’Amministrazione. I cittadini – singoli o in gruppo - e le associazioni che desiderano mettersi a disposizione della comunità, potranno così offrire la loro disponibilità a svolgere gratuitamente attività varie, a seconda delle proprie competenze e interessi, a favore della città. Sussidiarietà, solidarietà, coesione sociale, partecipazione attiva: sono i valori di questo progetto che ha stabilito con un apposito Regolamento le modalità organizzative, gli obblighi e i doveri di ciascuno. I cittadini sono chiamati a offrire tempo e abilità - sia generiche che specifiche – per spirito di servizio: essi non si sostituiranno in alcun modo ai lavoratori subordinati o occasionali del Comune né la loro opera potrà in alcun modo essere un surrogato delle attività del Comune. “Nel rapporto che viviamo quotidianamente con la città – afferma il sindaco Valeria Mancinelli - registriamo continuamente questa voglia di mettersi a disposizione e contribuire alla vita della comunità. Con questo strumento, questo senso di appartenenza potrà trovare una occasione in più per realizzarsi”. Il volontario è un cittadino maggiorenne con idoneità fisica che offre spontaneamente il proprio impegno per contribuire a rendere migliore la propria città. Gli ambiti di intervento sono: l’area tecnico/manutentiva, l’area culturale, l’area sociale e quella della comunicazione, ma inserimenti di cittadini volontari possono essere previsti in altri settori dai singoli dirigenti, da cui dipendono l’impiego dei volontari e l’organizzazione delle loro attività. I maggiorenni e fisicamente idonei potranno aderire all’elenco dei volontari compilando il modulo sul sito del Comune di Ancona e leggere l’accordo di collaborazione in allegato. Il materiale, compilato e firmato, potrà essere inviato: via fax (0712222145), o via mail (una volta scannerizzato o fotografato) a urp@comune.ancona.it, o per messaggio via Whatsapp al 3667695184, o per posta tradizionale (Sportello Volontariato civico presso Urp Comune di Ancona Largo XXIV Maggio 1), o consegnato di persona allo sportello Relazione con il pubblico (Urp, piano terra di palazzo del Popolo). Il nome verrà inserito in un Elenco speciale dei volontari che saranno inseriti nei progetti messi a punto dalle singole direzioni negli ambiti indicati. L’ attività del volontario sarà naturalmente coperta da assicurazione e il rapporto con il Comune regolamentato da un apposito “Accordo di collaborazione” che dovrà essere sottoscritto. Partirà inoltre già da domani la campagna di informazione attraverso manifesti e volantini, oltre ai canali social del Comune di Ancona e anche con newsletter per le associazioni del territorio. GLI STRUMENTI Il Regolamento Esso precisa come viene organizzata e regolamentata la collaborazione tra cittadini e Amministrazione, quali sono i diritti e doveri del volontario e quali quelli dell’Amministrazione. Nel “Regolamento sulla collaborazione tra cittadini ed Amministrazione per attività di volontariato civico”, approvato dal Consiglio comunale (e a disposizione sul sito del Comune di Ancona) sono contenute tutte le informazioni su accesso, svolgimento delle attività, modalità organizzative delle attività di volontariato civico, cancellazione L’Elenco dei volontari l’Elenco con i nomi dei volontari civici sarà in visione sul sito istituzionale. Sportello volontariato civico: informazione e assistenza Attivo anche uno sportello per fornire tutte le informazioni necessarie e gli approfondimenti chiamando al numero verde gratuito 800653413. Lo Sportello Volontariato civico presso l’Ufficio relazioni con il pubblico al piano terra del palazzo del Comune è a disposizione tutti i giorni dalle 9 alle 13, il martedì anche dalle 15 alle 17 e il giovedì dalle 9 alle 16. Cosa è il volontariato civico Potremmo chiamarlo uno spirito di servizio e una passione civica organizzati. I cittadini – singoli o in gruppo - e le associazioni che desiderano mettersi a disposizione della nostra comunità, possono offrire la loro disponibilità a svolgere gratuitamente attività varie a seconda delle proprie competenze e interessi, a favore della nostra città. Questi volontari civici saranno iscritti a un Elenco speciale e inseriti all’interno di progetti che verranno messi a punto dall’Amministrazione comunale attraverso le singole dirigenze. Sussidiarietà, solidarietà, coesione sociale, partecipazione attiva: sono i valori in gioco di questo progetto che ha stabilito con un apposito Regolamento le modalità organizzative, gli obblighi e i doveri di ciascuno. I cittadini sono chiamati a offrire tempo e abilità - sia generiche che specifiche – per spirito di servizio: essi non si sostituiranno in alcun modo ai lavoratori subordinati o occasionali del Comune né la loro opera potrà in alcun modo essere un surrogato delle attività del Comune. Il volontario è un cittadino maggiorenne con idoneità fisica che offre spontaneamente il proprio impegno per contribuire a rendere migliore la propria città. Gli ambiti di intervento sono: l’area tecnico/manutentiva, l’area culturale, l’area sociale e quella della comunicazione, ma inserimenti di cittadini volontari possono essere previsti in altri settori dai singoli dirigenti, da cui dipendono l’impiego dei volontari e l’organizzazione delle loro attività. Come diventare volontario Sei maggiorenne, fisicamente idoneo? Hai tempo libero e voglia di dare un contributo gratuito di tempo e conoscenze? Hai senso di appartenenza verso la nostra comunità? Vuoi mettere a disposizione della tua città le tue competenze o alcune ore libere? Compila il modulo che trovi in allegato e leggi l’accordo di collaborazione che trovi sempre in allegato Poi inviacelo compilato e firmato, via fax (0712222145), o via mail (una volta scannerizzato o fotografato) a urp@comune.ancona.it, o per messaggio via Whatsapp al 3667695184, o per posta tradizionale (Sportello Volontariato civico presso Urp Comune di Ancona Largo XXIV Maggio 1), o di persona al nostro sportello Relazione con il pubblico (Urp, piano terra di palazzo del Popolo). Il tuo nome verrà inserito in un Elenco speciale dei volontari che saranno inseriti nei progetti messi a punto dalle singole direzioni negli ambiti indicati. La tua attività sarà naturalmente coperta da assicurazione e il rapporto con il Comune regolamentato da un apposito “Accordo di collaborazione” che dovrai sottoscrivere. Il Regolamento Come viene organizzata e regolamentata la collaborazione tra cittadini e Amministrazione? Quali sono i diritti e doveri del volontario e quali quelli dell’Amministrazione? Nel “Regolamento sulla collaborazione tra cittadini ed Amministrazione per attività di volontariato civico” (in allegato), approvato dal Consiglio comunale troverai tutte le informazioni su accesso, svolgimento delle attività, modalità organizzative delle attività di volontariato civico, cancellazione L’Elenco dei volontari In allegato l’Elenco con i nomi dei volontari civici Sportello volontariato civico: informazione e assistenza Hai necessità di approfondimenti? Dubbi? Chiamaci al numero verde gratuito 800653413. Lo Sportello Volontariato civico presso l’Ufficio relazioni con il pubblico al piano terra del palazzo del Comune è a tua disposizione tutti i giorni dalle 9 alle 13, il martedì anche dalle 15 alle 17 e il giovedi dalle 9 alle 16. Se hai domande più tecniche che riguardano il rapporto di collaborazione tra volontario e Comune puoi rivolgerti all’Ufficio Personale ai numeri 071222……e 222…..

REGOLAMENTO SULLA COLLABORAZIONE TRA CITTADINI ED AMMINISTRAZIONE PER ATTIVITA’ DI VOLONTARIATO CIVICO INDICE Art. 1 – Oggetto del Regolamento. Principi generali, obiettivi e finalità Art. 2 – Ambiti di intervento Art. 3 – Modalità di attivazione dei progetti di volontariato Art. 4 - Modalità di svolgimento delle attività Art. 5 – Obblighi dell’Amministrazione Art. 6 – Partecipazione dei singoli cittadini – Istituzione elenco dei volontari. Art. 7 – Obblighi dei volontari Art. 8 - Sportello del volontariato civico Art. 9 – Partecipazione di gruppi informali, associazioni, organizzazioni di volontari, e di altri soggetti a carattere non lucrativo Art. 10 – Disposizioni transitorie e finali Art. 1 – OGGETTO DEL REGOLAMENTO. PRINCIPI GENERALI, OBIETTIVI E FINALITA' 1. Il presente regolamento disciplina la partecipazione in forma volontaria di Associazioni regolarmente costituite, di gruppi spontanei informali, di singoli cittadini e di altri soggetti a carattere non lucrativo alla attuazione di servizi ed interventi di carattere generale, volti alla realizzazione del bene comune, che l’Amministrazione intende promuovere e favorire 2. Il Comune di Ancona riconosce infatti il ruolo del volontariato come forma di solidarietà sociale, di sinergia tra pubblico, privato e volontari, rispondendo al principio di sussidiarietà orizzontale *. 3. L'Amministrazione persegue una duplice finalità: - favorire la convivenza civile, la partecipazione e la coesione sociale nella città, valorizzando il contributo volontario dei vari attori sociali presenti sul territorio per la tutela e la promozione del benessere della città; in tale ottica, l'individuazione degli ambiti di attività e delle modalità di attuazione porranno un'attenzione particolare agli aspetti che possano favorire la relazione fra le più varie componenti del tessuto sociale e la concreta partecipazione alla vita della comunità; - integrare, migliorare e qualificare i propri servizi resi ai cittadini attraverso l'apporto degli stessi in vari ambiti di attività. 4. L’attività di volontariato è libera, personale, spontanea, gratuita e senza fini di lucro, per cui ogni individuo può intraprendere, in piena autonomia, attività di volontariato a beneficio dei singoli. L’attività di volontariato da parte delle relative organizzazioni resta disciplinata dalle vigenti norme di legge e dagli eventuali specifici regolamenti in vigore nell’Ente. 5. Le attività di volontariato disciplinate dal presente Regolamento non hanno carattere sostitutivo di strutture o servizi di competenza del Comune o di mansioni proprie del personale dipendente del Comune. Tali attività, anche quando continuative, rivestono inoltre carattere di occasionalità, non essendo i volontari vincolati da alcun obbligo di prestazione lavorativa nei confronti dell'Amministrazione Comunale. L’instaurazione di rapporti con singoli volontari non comporta la rinuncia alla copertura di posti vacanti, non pregiudica il rispetto della normativa vigente in materia di collocamento obbligatorio di categorie protette, e non sostituisce in alcun modo le prestazioni di lavorio accessorio. 6. L'effettuazione di attività di volontariato non può mai assumere, dichiaratamente o tacitamente o di fatto, le caratteristiche del rapporto di lavoro subordinato funzionale alla struttura burocratica del Comune né può essere considerato titolo ai fini dell'accesso a posizioni di pubblico impiego di qualsiasi natura. Inoltre, in nessun caso l’azione svolta dal volontario nel contesto previsto dal presente Regolamento può creare vincoli, limiti o condizioni alla spontanea disponibilità del volontario. 7. Le attività dei volontari sono totalmente gratuite e non possono essere in alcun modo retribuite, né dall'Amministrazione Comunale né da eventuali singoli beneficiari delle attività medesime Art. 2 – AMBITI DI INTERVENTO 1. L'attività di volontariato sarà svolta prevalentemente nei seguenti settori: a) settore tecnico: ad esempio, tutela dell’ambiente, protezione del paesaggio e della natura, vigilanza e custodia del verde pubblico, di monumenti, edifici e strutture pubbliche, piccola manutenzione degli spazi pubblici e dell'arredo urbano; b) settore culturale: ad esempio, attività di vigile presenza nelle biblioteche, nei musei, mostre, gallerie, e nei luoghi in generale in cui è contenuto il patrimonio storico-artistico e culturale della collettività, al fine di consentirne una maggiore fruizione; valorizzazione e supporto di attività e manifestazioni ricreative, del tempo libero, culturali e sportive; recupero e valorizzazione di beni culturali materiali; c) settore sociale: ad esempio, supporto e collaborazione ai diversi servizi e alle iniziative dell’Amministrazione (a titolo esemplificativo, accompagnamento alunni progetto “pedibus”, prevenzione e sostegno alle forme di disagio e di emarginazione sociale); supporto alla attività di custodia ed uscierato presso il palazzo comunale e le sedi comunali distaccate; supporto nella assistenza a persone diversamente abili e bisognose; vigilanza davanti agli istituti scolastici ; d) settore della comunicazione. Tale elenco è meramente esemplificativo e non esaustivo dei settori di attività. Pertanto è fatta salva la possibilità di attribuire ai volontari lo svolgimento di ulteriori attività non ricomprese nel suddetto elenco ovvero di variare la tipologia dei servizi sulla base di eventuali esigenze non attualmente prevedibili, senza che ciò comporti la necessità di approvare una specifica modifica del presente Regolamento. 2. E’ escluso dalle competenze del presente Regolamento il Servizio di Protezione Civile in quanto regolato da specifica normativa e da specifiche convenzioni. 3. Si escludono esplicitamente tutte le azioni inerenti la sicurezza (ronde di polizia, controllo del territorio, vigilanza) in qualsiasi orario e giorno. Art. 3 – MODALITA’ DI ATTIVAZIONE DEI PROGETTI DI VOLONTARIATO La collaborazione tra cittadini ed Amministrazione può essere avviata : a) in risposta ad una sollecitazione dell’amministrazione; b) su proposta presentata dai cittadini, sia singoli che associati, rientrante negli ambiti previsti dal presente regolamento. Ogni forma di collaborazione sarà regolata con appositi atti che specifichino la natura delle prestazioni e le modalità di svolgimento. Il Comune avrà cura di pubblicizzare sul proprio sito istituzionale le collaborazioni intraprese ed i risultati ottenuti. Art. 4 – MODALITA' DI SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA' 1. All'inizio della collaborazione, il responsabile del servizio competente per materia predispone di comune accordo con il volontario/i volontari il programma operativo per la realizzazione delle attività, a cui il volontario/i volontari si devono attenere per quanto riguarda le modalità ed i tempi di svolgimento delle attività e l'uso degli strumenti necessari. 2. I volontari che partecipano alle varie iniziative, sia a titolo individuale sia quali membri di associazioni, sono coordinati e seguiti nell'esecuzione delle attività da personale comunale dei servizi competenti, senza che ciò comporti subordinazione gerarchica o disciplinare. I rapporti tra i volontari e il Comune hanno l’obiettivo di creare le condizioni per la libera e spontanea prestazione di attività, integrando la sfera di azione del Comune in ambiti e materie non riconducibili alla competenza istituzionale propria dell’Ente. 3. E’ fatto divieto di adibire le persone ad attività rischiose per l’incolumità fisica o psichica o che prevedano l’utilizzo di apparecchiature o strumenti richiedenti specifiche professionalità tecniche o particolari abilità manuali. 4. In particolare, ai responsabili dei vari servizi comunali interessati compete: a. accertare, direttamente o con il supporto dei servizi pubblici competenti, che i volontari siano in possesso delle necessarie cognizioni tecniche e pratiche, nonché delle idoneità psico-fisiche necessarie allo svolgimento delle specifiche attività; b. vigilare sullo svolgimento delle attività, mediante l'adozione delle opportune direttive per l'efficacia e l'efficienza degli interventi, avendo cura di verificare che i volontari rispettino i diritti e la dignità degli eventuali utenti e/o fruitori delle attività stesse e che queste ultime vangano svolte con modalità tecnicamente corrette e, qualora previste, nel rispetto delle normative specifiche di settore; c. verificare i risultati delle attività anche attraverso eventuali incontri periodici; d. se necessario, valutare la compatibilità degli interventi da effettuare con la normativa in tema di lavori pubblici e con la normativa sull'igiene e la sicurezza nei luoghi di lavoro. 5. Durante l'espletamento delle attività i volontari devono tenere un comportamento corretto ed irreprensibile verso i cittadini ed i dipendenti comunali; devono rispettare scrupolosamente le modalità operative stabilite e, in particolare, la puntualità in relazione all'attività assegnata. I volontari sono tenuti alla discrezione e al rispetto della dignità della funzione cui sono ammessi. 6. Il responsabile comunale, nell’ambito dei suoi compiti di vigilanza, ha la facoltà di sospendere in qualsiasi momento le attività del volontario, sia singolo sia appartenente a gruppi, associazioni ed organizzazioni, qualora: • da esse possa derivare un danno a persone o cose, • vengano a mancare i presupposti e le condizioni previste dal presente Regolamento, • siano accertate violazioni di leggi, regolamenti o di ordini della pubblica autorità. 7. I singoli volontari impiegati nelle attività di cui al presente Regolamento devono essere provvisti, a cura dell'Amministrazione, di cartellino identificativo che, portato in modo ben visibile, consenta l'immediata riconoscibilità degli stessi. 8. I mezzi e le attrezzature necessarie all'espletamento di alcune attività sono messe a disposizione del Comune. I volontari sono custodi delle attrezzature affidate loro per l'espletamento delle attività e ne dispongono secondo la diligenza relativa alla propria funzione. Le attrezzature devono essere riconsegnate nei modi e nei termini di volta in volta concordati. Il consegnatario di attrezzature ne avrà personalmente cura fino a discarico. L’Amministrazione Comunale fornisce inoltre a ciascun volontario, se necessario, i presidi individuali di sicurezza in rapporto all’attività svolta. 9. Le prestazioni eventualmente rese in orari prefissati costituiscono mere modalità del concreto svolgimento dell'attività e non costituiscono perciò indice di rapporto di subordinazione con l’Ente. 10. Per garantire la necessaria programmazione delle attività i volontari, nel caso di apporto individuale, ovvero i gruppi e le associazioni di volontari devono impegnarsi affinchè le prestazioni loro affidate siano rese con continuità per il periodo preventivamente concordato, laddove ciò sia necessario, pur mantenendo il carattere occasionale del rapporto. 11. I volontari, nel caso di apporto individuale, ovvero i gruppi, le associazioni di volontari si devono impegnare a dare tempestiva comunicazione al responsabile comunale di riferimento delle interruzioni che, per giustificato motivo, dovessero intervenire nello svolgimento delle attività. Dal canto suo, l'Amministrazione è tenuta a comunicare tempestivamente ai volontari ogni evento che possa incidere sullo svolgimento delle attività. 12. Qualora le attività da svolgersi richiedessero competenze particolari e specifiche diverse da quelle già in possesso da parte dei volontari, l'Amministrazione si impegna a fornire occasioni concrete di formazione ed aggiornamento, volte soprattutto a migliorare e curare la sicurezza individuale, secondo modalità da concordare con i volontari stessi, che saranno tenuti a partecipare a tali iniziative. 13. L’Amministrazione Comunale predispone le opportune agevolazioni per facilitare le attività dei volontari. Art. 5 – OBBLIGHI DELL’AMMINISTRAZIONE 1. Al Comune di Ancona e, in particolare, al dirigente/funzionario di volta in volta specificamente individuato come Datore di Lavoro, compete la valutazione del rischio connesso allo svolgimento della specifica attività, nonché tutti gli adempimenti connessi al D. Lgs. 81/2008 e ss. mm. ed ii. 2. Tutti coloro che prestano la propria opera a norma del presente Regolamento sono assicurati, con onere a carico dell’Amministrazione Comunale, contro i rischi di infortunio in cui potrebbero incorrere, nonché contro i rischi di responsabilità civile verso terzi conseguente a colpa nello svolgimento delle mansioni loro affidate. 3. Nel caso di volontari appartenenti a gruppi, associazioni, organizzazioni o altri soggetti a carattere non lucrativo, nell’ambito delle convenzioni di cui al successivo art. 7 del presente Regolamento le parti possono concordare che l’onere della copertura assicurativa sia posto a carico del soggetto terzo a cui i volontari appartengono. 4. L’Amministrazione è esonerata da ogni responsabilità per fatti dolosi o colposi posti in essere dai volontari. 5. L’Amministrazione rilascia al singolo volontario, su richiesta, un documento attestante l’attività svolta. 6. L’Amministrazione Comunale valorizza l’attività dei volontari attraverso riconoscimenti per le attività svolte e l’adozione di idonee iniziative di promozione. Art. 6 – PARTECIPAZIONE DEI SINGOLI CITTADINI – ISTITUZIONE ELENCO DEI VOLONTARI. 1. Presso la Direzione Risorse Umane è istituito l'Elenco Comunale dei Volontari a cui sono iscritti tutti i singoli cittadini che intendono prestare la propria opera di volontariato gratuita per attività di interesse generale e che abbiano presentato specifica richiesta secondo quanto previsto dal presente Regolamento, e che vengano considerati idonei ad essere iscritti. 2. Il cittadino che intenda svolgere attività di volontariato presenta domanda di iscrizione all'Elenco Comunale dei Volontari con indicazione dei dati anagrafici, titolo di studio, professione esercitata, attività che sarebbe disponibile a svolgere, tempi nei quali è disponibile, modalità di esercizio e accettazione incondizionata del presente Regolamento. 3. I singoli cittadini interessati devono essere in possesso dei seguenti requisiti di carattere generale: a) età non inferiore agli anni 18, b) idoneità psico-fisica per lo svolgimento dell’attività prevista, attestata da certificato medico, c) per i cittadini extracomunitari, regolare permesso di soggiorno, 4. Nella richiesta di iscrizione il cittadino deve altresì dichiarare le condizioni personali rispetto a: – condanne penali, provvedimenti di interdizione o sottoposizione a misure che escludano, secondo la normativa vigente, la capacità di contrarre con la Pubblica Amministrazione e l’accesso all’impiego presso la Pubblica Amministrazione, ovvero potenzialmente lesivi dell’immagine della Pubblica Amministrazione – esclusione dall'elettorato politico attivo. 5. Le domande di iscrizione vengono esaminate dal Servizio Personale ed Organizzazione che provvede alla verifica delle condizioni di idoneità oggettiva e soggettiva del richiedente rispetto alle relative prospettate attività, all'approvazione dell'elenco dei volontari idonei e alla conseguente iscrizione nell'Elenco Comunale dei Volontari. 6. Il responsabile del servizio comunale presso il quale il volontario iscritto all'Albo chiede di prestare la propria opera può invitare il medesimo ad un colloquio per acquisire maggiori elementi al fine di verificare le predisposizioni e le attitudini individuali in relazione alle attività verso le quali è stata espressa preferenza da parte del volontario. 7. I volontari inseriti nell’Elenco vengono impiegati in base ad un piano concordato con gli stessi, tenuto conto della disponibilità, capacità e potenzialità dei singoli e delle relative attitudini e pregresse esperienze personali. 8. Nel caso in cui il numero dei volontari disponibili ad una determinata attività fosse superiore a quello richiesto, a cura del responsabile del servizio competente può essere valutata la possibilità, anche temporanea, di procedere ad una rotazione per consentire l’accesso ad un numero maggiore di soggetti disponibili. 9. Prima di avviare l’attività, viene attivato un breve momento di formazione specifica da parte del responsabile del servizio comunale interessato, al fine di fornire le informazioni di base necessarie. 10. La cancellazione dall'Elenco viene disposta al verificarsi di una delle seguenti ipotesi: • per rinuncia espressa del volontario: il volontario, in qualsiasi momento, può ritirare o sospendere la propria disponibilità a proseguire l'esperienza di volontariato, dandone tempestiva comunicazione al responsabile del servizio comunale competente; • per accertata inidoneità del volontario o sopravvenuta mancanza delle condizioni di cui ai precedenti commi o qualora l’iscritto per due anni consecutivi non presti alcuna attività di volontariato, • per accertato e comprovato inadempimento da parte del volontario nello svolgimento delle attività al medesimo assegnate (in particolare, svolgimento non consono delle attività assegnate, mancato rispetto delle modalità operative stabilite, ripetuto e immotivato rifiuto a svolgere attività di volontariato per le quali si era dichiarata la propria disponibilità), senza che il volontario possa vantare pretese verso l'Amministrazione Comunale. Art. 7 – OBBLIGHI DEI VOLONTARI 1. I volontari si impegnano a: • svolgere le attività esclusivamente per fini di partecipazione attiva alla vita della comunità e di solidarietà, in forma gratuita, senza alcun carattere di prestazione lavorativa dipendente o professionale; • operare nell’ambito dei programmi impostati dall’Amministrazione in forma coordinata con i responsabili dei servizi, assicurando l’adeguata continuità dell’intervento per il periodo di tempo stabilito ed essendo disponibili alle verifiche concordate; • operare nel pieno rispetto dell’ambiente e delle persone a favore delle quali svolgono l’attività; • operare nel pieno rispetto delle funzioni e del ruolo degli uffici e del personale comunale con i quali entrano in relazione; • partecipare ai percorsi di formazione che vengano eventualmente organizzati dall’Amministrazione per favorire le migliori condizioni di svolgimento delle attività. Art. 8 - SPORTELLO DEL VOLONTARIATO CIVICO. e’ istituito lo sportello del volontariato civico come soggetto di coordinamento nella gestione dei volontari e nella raccolta delle diverse esigenze provenienti tanto dai diversi servizi dell’amministrazione quanto dal territorio. Tale sportello, che potrà essere interno od esterno all’amministrazione e potrà essere gestito da volontari opportunamente formati o da un’eventuale convenzione con un’associazione impegnata nel settore, ha il compito di svolgere le seguenti funzioni: - Registrare le disponibilità dei volontari (database di competenze/conoscenze) e fare eventuali colloqui individuali di approfondimento, - Fare una mappatura costante delle esigenze provenienti dai vari servizi comunali e coordinarsi con questi, - Raccogliere le esigenze e le proposte provenienti dai cittadini valorizzando una suddivisione per quartieri. Art. 9 - PARTECIPAZIONE DI GRUPPI INFORMALI, ASSOCIAZIONI, ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARI, E DI ALTRI SOGGETTI A CARATTERE NON LUCRATIVO 1. La partecipazione di gruppi informali, aggregazioni sociali anche non riconosciute, associazioni e organizzazioni di volontariato e altri soggetti a carattere non lucrativo avviene sulla base di singole apposite convenzioni volte a definire: • le attività da svolgersi da parte dei volontari, • il numero e le caratteristiche dei volontari, • le modalità e i tempi di realizzazione delle attività, • l’impegno da parte del soggetto terzo ad operare in forma coordinata con il responsabile del servizio comunale interessato nell’ambito dei programmi dell’Amministrazione Comunale, assicurando l’adeguata continuità dell’intervento, • la facoltà dell’Amministrazione di interrompere in qualsiasi momento la collaborazione instaurata, per sopravvenuti motivi di interesse pubblico e/o per inadempimento. Le convenzioni sono stipulate nel rispetto dei principi fissati dal presente Regolamento e delle linee guida e/o convenzioni tipo predisposte dalla Giunta Comunale. Art. 10 – DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI 1. Il presente regolamento entra in vigore il giorno in cui diviene esecutiva la deliberazione di approvazione. Per quanto in esso non disciplinato, trovano applicazione le norme vigenti in materia.

Stato, Regioni, Città metropolitane, Province e Comuni favoriscono l'autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà. (art. 118 c.4 Costituzione della R.I.)





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-04-2016 alle 15:37 sul giornale del 20 aprile 2016 - 1056 letture