Al via il progetto “Orbite!”: L'aggregazione torna in presenza negli spazi rigenerati

6' di lettura Ancona 24/03/2021 - Parte ad aprile il progetto ORBITE!, promosso da Arci Ancona, Arci Senigallia, Casa delle Culture, Nuova Ricerca Agenzia Res, Sineglossa. Laboratori a cura dei partner di progetto che porteranno ad un workshop intensivo curato dalla Scuola Open Source e ad un festival di chiusura

Ciclo di tre laboratori gratuiti, destinati a giovani marchigiani tra i 18 e 35 anni saranno il cuore del progetto “Orbite!” che si ripropone di ritrovare la socialità in presenza dopo un anno in cui chi si occupava di aggregazione e cultura ha dovuto reinventare il proprio ruolo, come spiegato da Stasi socio culturale causa pandemia, come spiegato dal Presidente dell'Arci Ancona Michele Cantarini: «Stiamo vivendo un periodo di stasi socio culturale a causa della pandemia, in questo contesto i nostri circoli si sono reindirizzati su una attività umanitaria. Ora dobbiamo tornare a programmare attività in presenza per attivare iniziative socio-culturali rivolete al futuro. Ne abbiamo abbastanza di socialità da social che non è socialità ma solitudine».

Il progetto su rivolge ai giovani tra i 18 e i 35 anni «Questa categoria è stata tra le maggiormente colpite colpite dall'emergenza covid in termini di occupazione e stimoli – spiega Mara Polloni, coordinatrice del progetto -proprio a questi giovani si rivolge il progetto per offrire nuovi strumenti culturali e nuovi argomenti di aggregazione in spazi rigenerati».

In questo contesto si andrà a sviluppare il progetto ORBITE!, promosso da Arci Ancona, Arci Senigallia, Casa delle Culture, Nuova Ricerca Agenzia Res, Sineglossa. Si parte ad aprile, con una serie di laboratori a cura dei partner di progetto, per proseguire poi con un workshop intensivo curato dalla Scuola Open Source, finalizzato alla messa a punto della rete marchigiana degli spazi rigenerati, che porterà nel capoluogo giovani provenienti da tutta Italia. I risultati delle attività saranno presentati pubblicamente in un festival ad Ancona, che chiuderà il progetto.

I LABORATORI

Ciclo di tre laboratori gratuiti, destinati a giovani marchigiani tra i 18 e 35 anni, pensati per fornire nuovi strumenti culturali e per co-progettare nuovi modelli di aggregazione che facciano leva sugli spazi rigenerati intesi come presidi per la sperimentazione di linguaggi, passioni civili e attivismo di base.

Ad aprire il ciclo sarà il laboratorio di animazione socio-culturale per gli spazi ibridi a cura del partner Nuova Ricerca Agenzia RES. Guidati da esperti in materia, i giovani apprenderanno nozioni di base su temi quali: la pianificazione di una campagna di promozione culturale, il coinvolgimento del sistema di attori locali nei processi di promozione culturale, come coinvolgere i giovani nei processi di promozione.

Il laboratorio si svilupperà nell’arco di 6 sabati consecutivi, dal 17 aprile al 29 maggio, con incontri di 2 ore ciascuno dalle 15 alle 17. Sede del laboratorio sarà lo Spazio Betti (Fermo).

La Factory Zero Zero (Senigallia) ospiterà un laboratorio di falegnameria sociale dove, sotto la guida di docenti esperti, verranno affrontate le varie fasi della lavorazione del legno e, al contempo, i partecipanti saranno chiamati ad esplorare la propria dimensione identitaria, relazionale e culturale, in rapporto al territorio, alla città, ed al contesto urbano. Dopo una prima fase di esplorazione e progettazione condivisa, si passerà alla produzione di opere e strutture di arredo urbano, generatrici di nuove relazioni possibili. Il laboratorio si svolgerà nell’arco di 5 incontri (17 e 24 aprile, 8,15 e 22 maggio) dalle 15 alle 18.

Dal 13 al 29 maggio, il Creative Ground di Sineglossa ad Ancona ospiterà il laboratorio di identità urbana, che si snoderà in un percorso teorico-pratico per lo studio delle caratteristiche identitarie di Ancona e per analizzare come intervenire a livello urbano per modificare la percezione che i cittadini hanno della città. Tra gli strumenti di analisi verrà utilizzata l'Intelligenza Artificiale di Quartiere Open Source - IAQOS, in grado di produrre articoli visionari sulla città a partire dalle tematiche affrontate dai quotidiani locali. Quattro gli incontri: giovedì 13 maggio (dalle 18 alle 21), sabato 15 maggio (dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18), giovedì 27 maggio (dalle 18 alle 21) e sabato 29 maggio (dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18).

LA SCUOLA OPEN SOURCE PER LA RETE MARCHIGIANA DEGLI SPAZI RIGENERATI

ORBITE! vanta una prestigiosa collaborazione con la Scuola Open Source di Bari, eccellenza nazionale riconosciuta nel campo dell’innovazione culturale, sociale e tecnologica, che per la prima volta sarà nelle Marche per curare un workshop gratuito destinato ad under 35 provenienti da tutta Italia. Il workshop, in programma dal 26 al 31 luglio ad Ancona, presso l'Accademia di Belle Arti e Design Poliarte, è volto a mettere a fuoco le variabili-chiave della rete regionale di spazi rigenerati, formando al contempo nuove figure professionali che potranno co-gestire, assieme ai partner, tali spazi anche oltre la durata del progetto.

IL FESTIVAL

La rete regionale degli spazi rigenerati sarà presentata ufficialmente a conclusione del progetto, nel corso di un festival ospitato dalla Casa delle Culture di Ancona, in cui i giovani partecipanti ai vari laboratori non saranno solo meri fruitori, ma collaboreranno fattivamente nell’organizzazione e saranno chiamati ad esporre i risultati raggiunti con i laboratori.

GLI SPAZI

Spazio Betti è un progetto sviluppato a Fermo da Nuova Ricerca Agenzia Res, attorno alla riqualificazione di una ex scuola del centro storico colpita dal sisma del 2016 e da questo resa inagibile. Spazio Betti è un’opportunità che in primo luogo ha consentito di avviare una riflessione sull’offerta culturale della città, soprattutto in relazione alle esigenze dei più giovani. E da qui hanno preso il via una serie di iniziative e azioni tutte improntate alla condivisione e all’accoglienza, ma anche alla sostenibilità sociale ed economica e alla responsabilizzazione dei vari attori.

Il Creative Ground è un moderno spazio per il coworking creato nel quartiere Archi di Ancona dall’associazione Sineglossa, che mette a disposizione postazioni da lavoro, ampie sale per riunioni, incontri e corsi. Il tutto in una logica di community che consente alle persone non solo di avere un posto per lavorare o studiare spendendo il giusto, ma anche di incontrare altre persone e condividere i propri progetti e i propri saperi.

Factory Zero Zero è un ampio spazio nella periferia di Senigallia affiliato all’Arci e messo a completa disposizione della creatività e della voglia di fare. Spazi per studiare e lavorare, per dare sfogo alle arti, sale che ospitano corsi e recupero scolastico, laboratori di qualsiasi tipo, dalla danza al teatro, dalla birra fatta in casa allo skate. Il manifesto della Factory si racchiude in poche parole: “Spazio a chiunque voglia creare e in qualunque modo voglia farlo”.

Casa delle Culture è uno spazio rigenerato e destinato alla comunità sito nell'ex-mattatoio pubblico di Ancona, (quartiere Vallemiano): biblioteca, aula studio, luogo di cultura e socialità con iniziative di ogni tipo.


di  Filippo Alfieri
redazione@vivereancona.it







Questo è un articolo pubblicato il 24-03-2021 alle 18:51 sul giornale del 25 marzo 2021 - 152 letture

In questo articolo si parla di cultura, ancona, arci ancona, Nuova Ricerca Agenzia RES, arci marche, articolo, Filippo Alfieri, sinegloss, arci senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bUhU





logoEV
logoEV