contatore accessi free

In Piazza Roma una panchina gialla per Giulio Regeni e Patrick Zaki 

3' di lettura Ancona 17/11/2021 - Rettorato e Comune di Ancona accolgono la richiesta del Consiglio studentesco della Politecnica promossa da Amnesty International. Cinque le panchine gialle installate nei luoghi dell'università e una sesta in Piazza Roma

È stata scelta la data del 17 novembre, giornata internazionale degli studenti inaugurare l'iniziativa delle panchine gialle in richiesta di libertà per Patrick Zaki e giustizia per Giulio Regeni. Una data quella del 17 novembre che commemora l'eccidio di professori e studenti cecoslovacchi come repressione ad una manifestazione anti-nazista durante l'occupazione. Un simbolo della tutt'oggi della rivendicazione della libertà di studio ed espressione, valori che i incarnano nelle storie e nelle persone di Giulio Regeni e Patrick Zaki. Entrambi ricercatori universitari ed entrambi vittime del regime autoritario egiziano che ha portato alla morte di Giulio Regeni e all'incarcerazione di Patrick Zaki.

Due crimini contro innocenti che hanno trovato in Italia una decisa mobilitazione per la ricostruzione della verità e la condanna degli assassini di Giulio Regeni e per la liberazione di Patrick Zaki, carcerato con l'accusa di propaganda contro il governo egiziano. A proporre al Senato Accademico dell'università politecnica delle Marche l'idea di installare delle panchine gialle a sostegno della causa di Patrick e Giulio il Consiglio Studentesco in collaborazione con Amnesty International.

«Queste panchine rispondono alla sostanziale necessità di tenere viva l'attenzione su Patrick e su Giulio e sulle tantissime persone private della propria libertà e dei propri diritti- spiega Alessia Polisini, Presidente del Consiglio Studentesco Univpm- Queste panchine non sono una commemorazione, ma voce di una voce che chiede diritti di giustizia e libertà. Giustizia per Giulio Regeni e libertà per Patrick Zaki».

«Ancora una volta i nostri studenti dimostrano di essere una componente attiva e innovativa della nostra Università- sottolinea il Magnifico Rettore Gian Luca Gregori- il Senato Accademico ha approvato all'unanimità la proposta del consiglio studentesco. Sono state installate le cinque panchine negli atenei e grazie al comune di Ancona una panchina in piazza Roma di fronte al Rettorato».

A rappresentare il Comune il Sindaco Valeria Mancinelli e l'assessore alla cultura Paolo Marasca: «Una iniziativa importante- osserva il Sindaco Mancinelli - non solo perchè difende dei principi generali di estrema importanza, come sono i diritti fondamentali della persona, ma ancora di più perchè ha come obbiettivo concreto la difesa di una persona in carne ed ossa, Patrick Zaki. Credo che cercare di costruire un cordone protettivo attorno ad una persona di un valore ancora più alto a questa iniziativa».

Dello stesso avviso il Responsabile della Circoscrizione Marche Amnesty International Fabio Burattini: «Il nostro obbiettivo è che Patrick si possa sedere su quella panchina insieme a noi. I simboli sono importanti perchè rappresenta un impegno collettivo che questa comunità si è presa con un importante partner commerciale e strategico. Riteniamo che la nostra forza debba essere utilizzata non solo sul piano economico, ma anche su quello dei diritti umani. Assistiamo ad una sensibilità diffusa su i temi di Giulio Regeni e Patrick Zaki. Ora c'è bisogno di uyno scatto in avanti dei governi per la liberazione di Zaki, in carcere, come tanti altri egiziani, per ragioni a noi inconcepibili».

Patrick Zaki è in detenzione preventiva fino a data da destinarsi. Rischia fino a 25 anni di carcere per dieci post di un account Facebook su cui la magistratura egiziana ha formulato pesanti accuse di “incitamento alla protesta” e “istigazione a crimini terroristici”.


di  Filippo Alfieri
redazione@vivereancona.it







Questo è un articolo pubblicato il 17-11-2021 alle 17:51 sul giornale del 18 novembre 2021 - 321 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ancona, articolo, Filippo Alfieri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cuKx





logoEV
logoEV
qrcode