Il pacco di Natale di Slow Food Ancona Conero trova un tocco d'arte al liceo Mannucci

3' di lettura Ancona 26/11/2021 - Slow Food Ancona Conero propone una box natalizia da regalare e regalarsi con ingredienti selezionati del territorio per la preparazione dei ravioli di zucca. A raccogliere gli ingrediente le casette della frutta destinate ad essere gettate, recuperate dagli studenti del liceo artistico Mannucci

Un'invasione di chiocciole. Così i giovani artisti della III A, Arti Figurative del Liceo artistico Mannucci hanno battezzato la loro opera, composta dalle cassette della frutta recuperate al mercato e destinate a diventare rifiuti. Pitturate e ripensate le cassette hanno invece ritrovato nuova vita, andando prima a costruire nel loro insieme l'opera “Invasione di Chiocciole” allestita all'interno del Liceo e poi andando ad ospitare quelle che saranno gli ingredienti della box natalizia di Slow Food della Condotta Slow Food Ancona e Conero.

«Il progetto pacco di natale nasce l'anno scorso con l'idea di creare un pacco diverso dai soliti pacchi con il cibo pronto. È un pacco per riscoprire l'idea di cucina di stare insieme. Quest'anno il tema è ravioli di zucca. All'interno del pacco si trovano tutti gli ingredienti che uniti insieme andranno a formare questo piatto- spiega Enrico Giacchetti di i Slow Food Youth Network Ancona e Conero -La collaborazione con il Liceo Mannucci è nata tramite una ragazza del gruppo giovani Slow Food Youth Network, siamo riusciti a entrare nel mercato e abbiamo scoperto questo leftover, cassette di legno che sarebbero andate buttate. Ci è sembrato una buona idea dargli una nuova vita e trasformarle».

A sottolineare l'impegno ambientalistico della associazione la Fiduciaria della Condotta Slow Food Ancona Conero, Angela Pezzuto «L'impegno dell'associazione è quello di tutelare la biodiversità e salvaguardare l'ambiente, perciò il tema del riuso è molto importante per noi. All'interno del pacco tra gli altri prodotti quelli di contadini custodi dei semi antichi rurali, un vino in guida Slow Wine e la cipolla piatta caramellata di Pedaso presidio Slow Food».

“Abbiamo aderito volentieri al progetto - ha sottolineato il Dirigente Scolastico Orsolini - perché contempla valori che anche per noi sono importanti come la tutela della biodiversità e la salvaguardia dell’ambiente che vede impegnato l’Istituto anche in un altro progetto, La bellezza salverà il Mondo.” Il prof Nicola Farina, il docente che ha seguito i giovani studenti ha parlato di slow Art: “un’arte che deve occuparsi non solo di farci guardare ma anche di vedere il tempo lento della vita che ci permette di comprendere in profondità quello che ci sta attorno”.

IL PACCO DI NATALE

All'interno della cassetta si troveranno quindi: prodotti del nostro territorio con lo scopo di promuovere, in un momento non facile, le aziende locali e le Marche:

farina di semola rimacinata di grano duro bio e 00 bio del Molino Italcer; una zucca dell’azienda agricola Orto Antico di Edoardo Lo Giudice;

quattro uova delle Aziende agricole SaraSì rASOterra La Marchigiana;

un barattolo di cipolle rosse piatte di Pedaso, Presidio Slow Food, caramellate dall’azienda rASOterra;

una bottiglia di vino Arsicci, verdicchio biologico dei Castelli di Jesi, Fattoria Nanni di Roberto Cantori, premiato quest’anno da Slow Wine

infine la ricetta di Sfoglina Simonetta per realizzare piatti favolosi, tra cui i ricercati ravioli alla zucca.

Il costo della box da regalare o regalarsi è di 25 euro. I proventi saranno utilizzati per finanziare i progetti avviati da Slow Food presso l’Ospedale Salesi “Orto in Corsia”, la Casa Circondariale di Montacuto “Sprigioniamo il gusto”, e con 5 scuole cittadine “Orto in Condotta”. Per prenotare e acquistare la box natalizia nella sua cassetta riadattata dagli studenti si può scrivere una mail all'indirizzo: Infoslowfoodanconaeconero@gmail.com



di  Filippo Alfieri
redazione@vivereancona.it







Questo è un articolo pubblicato il 26-11-2021 alle 17:51 sul giornale del 27 novembre 2021 - 218 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, articolo, Filippo Alfieri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cwIT





logoEV
logoEV
logoEV