contatore accessi free

Aumento indennità. Sindaco Mancinelli: “Non rinunceremo. Fondi statali, nessun danno per Ancona”

4' di lettura Ancona 21/03/2022 - Interrogata dal consigliere Daniele Berardinelli (Forza Italia) il sindaco Valeria Mancinelli annunciala che non rinuncerà alle indennità previste per. Sindaco: «Il costo del sindaco è il doppio di un operaio metalmeccanico». Berardinelli: «Mancinelli sindaco part-time, compenso andrebbe tagliato della metà»

Giunge in Consiglio Comunale, grazie all’interrogazione del Consigliere Daniele Berardinelli di Forza Italia, la questione dell’aumento delle indennità per Sindaco e di conseguenza Vice-sindaci, Assessori e presidente del Consiglio comunale, è previsto dalla legge di Bilancio 2022. L’interrogazione del Consigliere Berardinelli, nel consiglio comunale tenutosi lunedì mattina, chiedeva al sindaco Mancinelli di rispondere a quanto ammontasse tale incremento e se l’amministrazione avesse intenzione di rinunciare, decurtando il proprio compenso, in relazione alla difficile situazione nazionale.

«Non abbiamo intenzione di rinunciare all’aumento dell’indennità per l’amministrazione» è stata la risposta della sindaca Valeria Mancinelli, che ha così spiegato la scelta dell’amministrazione: «Il fondo a cui si attinge per l’aumento dell’amministrazioni comunali è un fondo statale, quindi non andrà a pesare sulle finanze locali e suoi cittadini anconetani. In caso di rinuncia quei fondi non andrebbero alla città, ma tornerebbero allo Stato e sarebbero riassorbiti. La rinuncia che possiamo fare e che fare è quella di un immediato adeguamento che andrebbe sarebbe a carico delle tasse comunali. Rispetteremo invece l’adeguamento graduale che vede nel 2022 uno scatto solo del 45%, finanziato epr l'appunto dal fondo dedicato dallo Stato».

IL COSTO DEL SINDACO

«Il tema dell’indennità di consiglieri comunali per sindaci e assessori è un tema vero- continua il Sindaco Mancinelli- per dare qualche riferimento, anche alla luce e l’adeguamento il “costo aziendale”, ovvero quello per il datore di lavoro ( in questo caso i cittadini dorici n.d.r.) è un costo inferiore a quello di un preside di scuola media, un costo pari al doppio di un operaio di 5 livello dei metalmeccanici, inferiore ad un medico e la metà del costo di un rettore di università. È Il 30-40% in più di quello di un operaio di AnconAmbiente ed infinitamente inferiore a quello di un Consigliere Regionale o un Parlamentare. Credo che l’adeguamento fosse più che dovuto. Il tema non è l’adeguamento ma l’adeguatezza e produttività. Una indennità adeguata se si fa bene il proprio mestiere è giusta, se lo si fa male non c’è indennità adeguata che tenga».

BERARDINELLI: «PER IL SINDACO PART_TIME SERVIREBBE UNA DECURTAZIONE

Una risposta che secondo il Consigliere Berardinelli dimostra il poco senso delle istituzioni del sindaco Mancinelli, poco sensibile ad un possibile risparmio per le casse Statali in un momento difficile per l’economia nazionale e delle famiglie. Sotto accusa per il Consigliere forzista anche l’adeguatezza rispetto al compenso di alcuni dei membri dell’amministrazione: «Lei Sindaco lavora part time, è evidente che dovrebbe la sua indennità dovrebbe essere diminuita almeno della metà. E qualche assessore dovrebbe avere un indennità come quella di chi lavora metà giornata in ufficio di basso livello. Alcuni assessori meriterebbero uno stipendio di 600 euro al mese a dire molto». Quello a cui la sindaca non ha risposto è che l’aumento dei sindaci pe il capoluogo di regione è del 80%. Voi avete la faccia tosta in questo momento di difficoltà per i cittadini italiani di raddoppiarvi lo stipendio ed è una vergogna. Una vergogna vostra, del presidente Draghi e del ministro Franco che hanno firmato questa legge. Vi invito a ripensarci e di fare un adeguamento pari all’aumento Istat degli ultimi anni e che possa essere compreso dai cittadini».

COME FUNZIONA L’AUMENTO DI INDENNITÀ

L’adeguamento delle indennità è stato introdotto dalla Legge di Bilancio 2022 approvata in via definitiva dal Parlamento il 29 dicembre. La misura prevede un adeguamento delle indennità dei Sindaci e ma anche delle indennità di funzione di Vicesindaci, Assessori e Presidenti dei Consigli comunali saranno adeguate alle indennità di funzione dei corrispondenti Sindaci. Per quanto riguarda il comune di Ancona si applicherebbe l’indennità di funzione dell’80% per i sindaci dei comuni capoluogo di regione e per i sindaci dei comuni capoluogo di provincia con popolazione superiore a 100.000 abitanti.

L’adeguamento avverrà scaglionato negli nei prossimi anni. Rispetto alla fase di prima applicazione, l’importo da applicarsi per il 2022 e per il 2023 si ottiene calcolando rispettivamente il 45% e il 68% sull’aumento/differenza dell’importo totale a regime per il 2024 previsto per ciascuna classe demografica di Comune.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Ancona.
Per Whatsapp aggiungere il numero 350.0532033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereAncona o cliccare su t.me/vivereancona
Seguici su Facebook e Twitter

di  Filippo Alfieri
redazione@vivereancona.it







Questo è un articolo pubblicato il 21-03-2022 alle 12:13 sul giornale del 22 marzo 2022 - 486 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ancona, Daniele Berardinelli, articolo, Filippo Alfieri, indennità sindaco, sindaco mancinelli, costo politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cTLG





logoEV
logoEV
qrcode