contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
articolo

Daniele Silvetti candidato sindaco con Ancona Protagonista «Puntiamo alla vittoria e al governo di questa città»

4' di lettura
386

Presentata oggi la lista civica che farà da piattaforma per il candidato della coalizione di centro destra Daniele Silvetti assieme alle liste civiche Ancona 60100 e Ankon Nostra e rappresentanti dei partiti di coalizione. Silvetti: «Sono caduti gli steccati ideologici. Anconetani scelgono valutando la proposta»

È stata presentata ufficialmente nel pomeriggio di mercoledì 18 gennaio, la candidatura di Daniele Silvetti a sindaco di Ancona nella coalizione di centrodestra alle prossime elezioni comunali.

«Gli steccati ideologici sono caduti. Noi faremo le nostre proposte senza inseguire il consenso, ma chiedendo una scelta: o continuità o discontinuità. Vogliamo una città pronta a collegarsi al grande progetto della giunta regionale, vogliamo risorse certo per il nostro territorio, vogliamo disegnare un percorso di almeno 10 anni che porti Ancona ad essere il Capoluogo di regione che merita di essere».

Così il Daniele Silvetti nella presentazione tenuta nella sala conferenza del Seebay Hotel di Ancona (la stessa da cui Ida Simonella lanciò la sua candidatura alle primarie). All’evento decine di sostenitori venuti ad accogliere una candidatura che era nell’aria da parecchio e che diviene ora ufficiale, con la presentazione della lista civica nata in sostegno al candidato “Ancona Protagonista”.

«Siamo in largo anticipo rispetto al solito, mancano ancora 4 mesi alle elezioni- fa notare Silvetti, che rimanda al mittente le voci sulle presunte spaccature che la sua nomina avrebbe creato- La mia candidatura non è maturata tavolino. Parte assolutamente dal territorio con l’appoggio di tutti i partiti di coalizione. Una spinta che mi ha portato a misurarmi con quella che sarà la sfida più importante della mia carriera. Sarà un momento decisivo anche per la città, che posta davanti ad una scelta potrà ritrovarsi o perdersi per sempre».

In riferimento alle note sollevate dai dem (Qui l’articolo) Daniele Silvetti chiarisce anche la sua posizione nell’ente Parco del Conero: «Non mi dimetterò dalla mia posizione durante la campagna elettorale, ma solo se sarò eletto sindaco».

Una figura che Silvetti si propone di ricoprire a “tempo pieno” «Percepisco messaggi di inquietudine da questa città, ma anche voglia di riprendersi un ruolo smarrito anni fa. Stiamo scendendo sotto i 98 mila abitanti. Ancona non è più appetibile per chi viene da fuori né per i suoi cittadini. Vogliamo che la città torni ad essere un riferimento per il territorio, capace di fare rete con Falconara, Sirolo, Numana e con la Riviera del Conero. Oggi il Brand Conero è più conosciuto che Brand Ancona».

Una città che secondo il candidato accusa un problema di identità: «L’Ultima luce di Ancona risale all’Inaugurazione del teatro delle Muse. Un deficit che ricade sulla scarsa capacità di avere un’identità. Una città paralizzata dal punto di vista urbanistico. Uomini o donne soli al comando non fanno il bene della comunità. Noi crediamo nel confronto e nella sintesi».

ANCONA PROTAGONISTA e ANCONA 60100 e Ankon Civica

L’occasione è stata anche quella del lancio della lista civica Ancona Protagonista, la piattaforma politica che sosterrà in prima linea la candidatura di Daniele Silvetti, accompagnato in conferenza dai civici, l’avvocata Manuela Caucci e il dott Simone Pizzi. «Fin da subito in molti abbiamo pensato a Daniele. Eccoci qui carichi volenterosi e convinti di riuscire a fare qualcosa di buono per Ancona e per i nostri figli» ha dichiarato l’avvocata Caucci.

Affiancano la neonata lista civica Ancona 60100, con il già candidato sindaco alle precedenti elezioni Stefano Tombolini e Ankon Civica Verde e Popolare, con Daniele Ballanti.

«Noi siamo la cura. Questa città ha dei problemi. Lo si vede quando si guida e anche dai tanti particolari che si notano camminando in questa città. Ora si faranno interventi ad hoc prima delle elezioni, ma in realtà non cambia nulla. Lo testimonia un piano regolatore ideato nel ’84, approvato nel ’94 e mai più toccato» ha dichiarato Stefano Tombolini.

Guarda al futuro Daniele Ballanti di Ankon Civica Verde e Popolare: «Manca un piano che preveda i prossimi 20 o 30 anni. Ancona Civica è molto presente sul territorio e abbiamo sperimentato la mancanza di ascolto, con la presenza degli uomini del comune nel quartiere solo in occasione della campagna elettorale».

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Ancona.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereAncona oppure aggiungere il numero 350.0532033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereAncona o cliccare su t.me/vivereancona
Seguici su Facebook e Twitter




Questo è un articolo pubblicato il 18-01-2023 alle 18:43 sul giornale del 19 gennaio 2023 - 386 letture






qrcode