contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Sbarcano ad Ancona i 100 della Humanity One. A bordo anche famiglie, bambini piccoli e minori non accompagnati

3' di lettura
122

Famiglie, bambini piccoli, minori non accompagnati, tutti senza scarpe arrivano ad Ancona. Silvetti chiama il sottosegretario Prisco “La città non può accogliere ancora, sistema saturo”

100 persone migranti salvate dalle acque del mediterraneo sono sbarcate nella mattina di mercoledì 16 agosto nel Porto di Ancona. In funzione la macchina dell’accoglienza, ormai rodata da 5 sbarchi avvenuti da febbraio ad oggi, due dei quali negli ultimi due mesi. Tra i 100 ad aver toccato terra nel capoluogo dorico presenti famiglie, con bambini anche molto piccoli, una donna in cinta e 19 minori non accompagnati, uno dei quali non raggiunge i 14 anni di età.

Dopo il primo sopralluogo a bordo del personale sanitario le persone migranti sono state fatte sbarcare, dando priorità a donne e bambini. Le persone sono poi state trasportate al Palabrasili, dove avverranno le procedure di identificazione che daranno il via all’iter di richiesta di protezione internazionale. Prima di partire però è stato necessario far arrivare al molo 19 del porto di Ancona le scarpe. Infatti tutte le persone tratte in salvo dal mare erano scalze.

Ultimate le procedure di identificazione le 100 persone verranno distribuite nei centri accoglienza delle Marche secondo le indicazioni della Prefettura di Ancona. A rimanere in città sarà solo il minorenne non accompagnato minore d 14 anni. Le strutture di accoglienza di Ancona hanno tutte raggiunto il limite di posti disponibili come spiegato dal sindaco Silvetti.

SILVETTI: “SISTEMA ACCOGLIENZA SATURO:SI LASCI RESPIRARE ANCONA”

“Ho Parlato con il sottosegretario Prisco. Tre navi in due mesi per Ancona cominciano ad essere impegnative dal punto di vista dell’assistenza e degli spazi- così il sindaco Daniele Silvetti ha dichiarato alla stampa durante le operazioni di sbarco – Queste persone rimangono nel territorio marchigiano. Abbiamo avuto 400 profughi nel giro di due mesi, inizia ad essere un dato importante. Ho chiesto al presidente Acquaroli una deroga sul numero massimo dei posti nei preposti all’accoglienza dei minori. La situazione di Ancona è satura. Non ci sottraiamo a valori dell’accoglienza ma da un punto di vista numerico città sotto pressione”.

A preoccupare la Giunta anche la perdita da settembre dello spazio del Palabrasili, che tornerà alle sue funzioni di palazzetto dello sport. Verrebbe così a mancare uno spazio per le operazioni di identificazione e visite mediche. Uno spazio che inizialmente era stato trovato con una struttura temporanea installata dalla Protezione civile marche sul molo 22, non più utilizzabile perché soggetto a lavori di ampliamento e a continui traffici di navi cargo.

“Ancona sta dando un grande contributo ma non vorrei fosse preso come una disponibilità all’infinito- prosegue Silvetti- Abbiamo le strutture per le emergenze ma sono arrivate al limite. Questa necessità è emersa al tavolo di sicurezza in Prefettura. Per questo ci trovati d’accordo su una proposta alla Regione per contingentare i numeri dei centri di accoglienza. Nelle prossime ore chiederò anche in modo formale che Ancona possa avere il tempo d gestire quello che è stata chiamata a gestire in questi mesi e poter respirare (prima di ricevere un prossimo sbarco n.d.r.)”.

Dalle sue pagine social intanto la SOS Humanity fa sapere le proprie intenzioni di intentare causa verso il governo italiano per la decisione di inviare la nave di salvataggio in un porto così distante. Secondo la ong una decisione che infrange le leggi del mare e prolunga la sofferenza fisica e psicologica delle persone tratte in salvo.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Ancona.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereAncona oppure aggiungere il numero 350.0532033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereAncona o cliccare su t.me/vivereancona
Seguici su Facebook e Twitter




Questo è un articolo pubblicato il 16-08-2023 alle 14:31 sul giornale del 17 agosto 2023 - 122 letture






qrcode