contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Presentato in Comune il docufilm "Techne, l'arte di saper fare" realizzato nel carcere di Montacuto

2' di lettura
68

Dietro ogni detenuto c'è una persona, con la sua storia, il suo vissuto, le sue tristezze, le sue speranze.

Ha emozionato tutti i presenti, oggi pomeriggio, la proiezione nella sala consiliare del Comune del docufilm "Techne, l'arte di saper fare" realizzato nei mesi scorsi nel carcere di Montacuto, nell'ambito di un progetto di formazione e rieducazione realizzato grazie a risorse della Regione Marche da Scolastica srl, centro di formazione culturale e professionale, coordinato dalla direttrice Giovanna Giacchetti.

Il docufilm – introdotto dall'assessore alle Politiche sociali Manuela Caucci e dall'assessore regionale Goffredo Brandoni- è articolato con interviste e testimonianze raccolte all'interno del carcere che documentano i corsi di formazione svolti dai detenuti, così come il loro gradimento e il loro stato d'animo, e dall'altra parte anche la visione maturata dai docenti e dai formatori, alcuni per la prima volta a contatto con la realtà dietro le sbarre, e le riflessioni di operatori carcerari e della direttrice del penitenziario.

Ne nasce un piccolo, toccante film che con delicatezza riproduce i ritmi, i tempi e l'atmosfera sospesa di una casa circondariale e il desiderio comune di ricominciare da capo e avere una vita normale. Imparare nuove abilità, come quella di utilizzo della stampante laser tridimensionale per disegnare e produrre oggetti, l'attività del giardinaggio, l'arte del tatuaggio e del piercing, l'addestramento cinofilo ecc. ha rappresentanto per i detenuti una occasione di riscatto e di speranza, una spinta per affrontare meglio la quotidianaità sempre uguale dietro le sbarre, e di trascorrere in modo utile un periodo che sembra interminabile, con il pensiero sempre rivolto alla libertà, agli affetti lontani, alle famiglie a casa.

Della bontà di queste e future esperienze formative per i detenuti hanno parlato gli assessori, auspicando che costituiscano una concreata opportunità per un reinserimento sociale, obiettivi ai quali si sta lavorando da tempo con il coinvolgimento delle associazioni di categorie e altre realtà. Alla proiezione erano stati invitati anche i direttori degli Istituti Penitenziari marchigiani, del Provveditorato dell'Amministrazione Penitenziaria, il Garante regionale dei Diritti, le Organizzazioni Sindacali e le cooperative sociali coinvolte.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Ancona.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereAncona oppure aggiungere il numero 350.0532033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereAncona o cliccare su t.me/vivereancona
Seguici su Facebook e Twitter




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-02-2024 alle 19:14 sul giornale del 01 marzo 2024 - 68 letture






qrcode