contatore accessi free

Inaugurazione della mostra \'Napoleone e le Marche\'

Napoleone 2' di lettura Ancona 10/04/2008 - La mostra, che raccoglie un insieme di documenti cartacei, medaglie ed armi del periodo napoleonico nelle Marche, sarà inaugurata sabato 12 aprile alle ore 17 presso il Palazzo del Rettorato dell\'Università Politecnica delle Marche.

La mostra raccoglie un scelto insieme di documenti cartacei, in gran parte del periodo napoleonico nelle Marche, incentrando l\'attenzione sugli anni in cui la regione fu parte del Regno d\'Italia dal 1808 al 1814, presentando però anche esempi riferiti al decennio precedente, quando con l\'arrivo delle truppe francesi a partire dal 1797 sorsero a più riprese anche nello Stato della Chiesa le cosiddette repubbliche giacobine.


Attraverso questi oggetti tutti provenienti da collezioni private, viene testimoniata la vita militare, civile, sociale in generale, del periodo, riuscendo a cogliere la sensazione del rinnovamento che il nuovo tipo di governo stava dando (o avrebbe voluto dare al paese), nelle nuove circoscrizioni amministrative che proprio per superare i vecchi localismi e svincolarsi dal passato, presero i nomi non di città ma di fiumi principali del territorio, con nuove leggi in teoria uguali per tutte le classi sociali ed un sistema amministrativo perfettamente regolamentato, che rappresentava il \"nuovo\" di uno stato moderno.
Leggi e decreti, stampe, documenti diversi, carte geografiche, manoscritti (anche di Napoleone ), medaglie, armi, ed altro, ci mostrano un\'epoca di pochi anni che ebbe un\'importanza basilare per la storia successiva dell\'Italia.


Un breve elenco di alcuni importanti pezzi in mostra: lettera firmata \" NAP \" con una (originale) macchia di inchiostro, testo in francese indirizzata al suo figliastro Principe Eugenio viceré d\'Italia, (Figlio mio la riunione dei tre dipartimenti d\'Ancona è stata fatta...Bayonne 16 maggio 1808).
Napoleone comunica precise istruzioni per la riunione dei tre dipartimenti di Ancona, ordina la pubblicazione e l\'applicazione delle leggi del Concordato, l\'istituzione di misure riguardanti i monaci, (che gli garantirà anche il vantaggio di assicurarsi una grande quantità di merci), la formazione della Guardia d\'Onore e l\'occupazione di fortezze. Sebbene Ancona non sarà mai assediata egli crede che la costruzione di due o tre fortezze possa essere necessaria sia per contenere il popolo, che per dare rifugio alle navi nel porto.


Presenti alla mostra anche: un manifesto originale (14.11.1799) della capitolazione di Ancona (fine dell\'occupazione da Parte dei francesi); bauletti da viaggio a seguito delle truppe francesi (scrittoio da viaggio, bauletto per lo smistamento della posta, bauletto farmacia, bauletto sartoria e borsa da viaggio del chirurgo); libri antichi fra cui la \"Costituzione\" della Repubblica Romana edita in Ancona del 1798; rare carte geografiche dell\'epoca napoleonica; lettera autografa del generale Giuseppe De La Hoz capo degli insorgenti, considerato un patriota dell\'unificazione d\'Italia; rari documenti della storia postale delle Marche.



Scarica il pdf Napoleone





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-04-2008 alle 01:01 sul giornale del 10 aprile 2008 - 2344 letture

In questo articolo si parla di cultura, storia, università politecnica delle marche, ancona, italia, Regno italico, napoleone





logoEV
logoEV