contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > SPETTACOLI
comunicato stampa

Al Teatro delle muse Hind Und Zurùck e L\'Heure Espagnole

5' di lettura
1459

Apre venerdì 22 gennaio alle ore 20.30 con replica il 24 gennaio alle 16.00, con la direzione artistica del maestro Alessio Vlad, la Stagione Opera Balletto Recital e Concerti della Fondazione Teatro delle Muse di Ancona, con il nuovo allestimento di Hin und Zurück di Paul Hindemith e L’Heure espagnole di Maurice Ravel al Teatro delle Muse.

Dirige l’Orchestra Filarmonica Marchigiana il Maestro Bruno Bartoletti che ha già diretto alle Muse The Emperor Jones, Rigoletto, Neues vom Tage e Il Pirata. Regia, scene, costumi, coreografia e luci sono affidate al visionario Stefano Poda che dal 1994 ad oggi ha realizzato circa 70 spettacoli tra Spagna, Portogallo, Danimarca, America del Sud, America Centrale, Belgio, Bulgaria e Stati Uniti. Protagonisti saranno (in entrambe le opere): Sonia Ganassi tra i maggiori mezzosoprani della sua generazione, vincitrice del Premio Abbiati nel 1999, è regolarmente invitata nei più prestigiosi teatri del mondo, ha già cantato al Teatro delle Muse nel 2008. Il tenore spagnolo Vicenç Esteve vincitore di numerosi concorsi internazionali, tra cui: Francisco Alonso (Madrid 1994), Operalia (Bordeaux 1996), Ciudad de Logroño (Logroño 1997) e Vall d\'Uixó (Castellón 2001). Nicolas Rivenq uno dei migliori baritoni della sua generazione, vincitore del primo premio al concorso vocale “Marcello Viotti” dedicato a Mozart (1992).



Il basso genovese Giovanni Battista Parodi che dopo l’Accademia di perfezionamento del Teatro alla Scala di Milano ha cantato nei maggiori teatri del mondo. E il tenore francese Thomas Morris vincitore di numerosi premi a concorsi internazionali, tra i quali il Toti dal Monte di Treviso, il gran premio della musica francese della Fondazione Henri Sauguet/Yves Saint-Laurent, il concorso dei conservatori di musica di Parigi, i concorsi di Marsiglia, Marmande e Verviers. Hin und Zurück e L’heure espagnole sono due opere di rara rappresentazione. Il tempo è l’elemento che le unisce. Nel primo titolo è il protagonista assoluto, il motore stesso di un’azione breve e fulminea; nel secondo scandisce ossessivamente le grottesche vicissitudini dei personaggi. Due opere diversissime tra loro ma che proprio nel contrasto che le caratterizza troveranno in scena sintesi ed unità svelando la perfetta estetica di un gioco che, razionale e geometrico, le accomuna dipanandosi con rapidità in un’atmosfera irreale. Il tempo misurato che, come una moviola impazzita che si riavvolge su se stessa, ricrea in modo del tutto naturale la vicenda sostituendosi all’ineluttabilità del già accaduto (Hindemith), e il tempo scandito e rappresentato nelle sue pulsazioni sonore che della vicenda è testimone e contenitore (Ravel), diventano occasione drammaturgica insolita in cui si muovono caratteri manovrati con sublime ironia da due geniali e disincantati burattinai. Una comicità travolgente che perfidamente svela il clima e le istanze di un’epoca che se da un lato si protendeva freneticamente verso il futuro dall’altro si volgeva con nostalgia verso un passato ormai irrimediabilmente lontano.


Il programma della Stagione prosegue poi con una seconda opera, che sarà rappresentata in forma di concerto, venerdì 19 febbraio e domenica 21 febbraio è Lucrezia Borgia un\'opera in un prologo e due atti composta da Gaetano Donizetti del 1833, su libretto di Felice Romani, tratto dall\'omonima tragedia di Victor Hugo. L’opera vede sul palco del Teatro delle Muse il grande ritorno del soprano Mariella Devia (già alle Muse con Idomeneo, Re di Creta, il Pirata e La traviata) che si esibirà con Giuseppe Filianoti, Marianna Pizzolato, Alex Esposito per la prima volta ad Ancona, dirige l’Orchestra Filarmonica Marchigiana, un direttore di nuova generazione ma già affermato internazionalmente che ha da poco debuttato al Teatro alla Scala, il maestro Marco Guidarini.


Terza opera in Stagione, in scena venerdì 19 marzo e domenica 21 marzo, è Don Giovanni di Wolfgang Amadeus Mozart, dramma giocoso in due atti su libretto di Lorenzo Da Ponte (1787) con l’allestimento dell’Arena Sferisterio di Macerata, \"Dalla regia di Pizzi l’allestimento più nudo e crudo del capolavoro mozartiano\" commenta Il Sole 24 Ore. In scena nei panni di Don Giovanni un altro grande ritorno ad Ancona, quello del baritono Nmon Ford, (The Emperor Jones nella stagione scorsa alle Muse) in scena con Andrea Concetti, Myrtò Papatanasiu, Carmela Remigio, Saimir Pirgu, Manuela Bisceglie, William Corrò, Petri Lindroos dirige l’Orchestra Filarmonica Marchigiana il maestro Asher Fish (già protagonista con Pizzi ne La vedova allegra alla Scala), regia, scene e costumi sono di Pier Luigi Pizzi. E proprio il baritono americano Nmon Ford, è il vincitore del sesto Premio Internazionale “Franco Corelli”, il suo recital di canto è previsto per domenica 14 marzo. Il cantante è scelto come vincitore per la parte del protagonista nell’opera The Emperor Jones, musica di Louis Gruenberg andata in scena alle Muse il 23 e 25 gennaio 2009.


Nell’opera in forma di concerto Lucrezia Borgia e in Don Giovanni lavora anche il Coro Lirico Marchigiano “Vincenzo Bellini”, Maestro del coro è David Crescenzi. Novità di quest’anno è la sezione concerti sinfonici, che prevede due serate in collaborazione con la Form. Martedì 2 febbraio con la serata Schubert e Schumann, concerto con musiche dei due compositori diretto dal maestro Hubert Soudant, e giovedì 25 febbraio Mozart e Čajkovskij diretto da Donato Renzetti, entrambi con l’Orchestra Filarmonica Marchigiana. Chiude la Stagione venerdì 23 e sabato 24 aprile il balletto della Scuola di Ballo dell’Accademia Teatro alla Scala con Gala dal classico al contemporaneo, su musiche di Ludwig Minkus, George Gershwin e Franz Joseph Haydn e le coreografie di Marius Petipa, George Balanchine e Jiri Kuliàn L’appuntamento è in collaborazione con Amat.


Info: 071 52525 e mail boxoffice@teatrodellemuse.org





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-01-2010 alle 16:37 sul giornale del 22 gennaio 2010 - 1459 letture