contatore accessi free

Giulio Giorello inaugura il ciclo 'Lezioni Franco Angeleri'

2' di lettura Ancona 08/10/2010 -

Quando un grande docente come il professor Franco Angeleri ci lascia, se è di quelli che hanno impresso un segno indelebile sia nella coscienza e nella formazione dei molti allievi che hanno avuto, sia nel ricordo dei colleghi, il mondo accademico entro il quale ha distribuito il suo insegnamento sente un bisogno insopprimibile di tributare all’Amico e Maestro scomparso una testimonianza di stima alla memoria.



Anche per questo, il professor Fiorenzo Conti, colui che per anni ha condiviso con il professor Franco Angeleri - al di là delle affinità accademiche alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Politecnica delle Marche - il progetto di Incontri di Scienza & Filosofia, ha promosso un’iniziativa destinata a ripetersi annualmente: le “Lezioni Franco Angeleri”, a lui intitolate, da tenersi nell’autunno, alla ripresa dei corsi, per ricordare il nome dell’illustre docente di Neurologia anche attraverso una “lezione” da affidare ai più luminosi intellettuali, ai grandi nomi del pensiero teorico e dell’epistemologia.

Così, le “Lezioni Franco Angeleri” non potevano venire inaugurate che dal professor Giulio Giorello, personalità di spicco che ha partecipato in passato ad alcune edizioni degli Incontri di Scienza & Filosofia, il quale l’8 ottobre alle 18 nella Sala del Rettorato terrà una conferenza da non perdere su “La visione scientifica del mondo”.

Giulio Giorello, nato a Milano il 14 maggio 1945, si è laureato in filosofia nel 1968 e in matematica nel 1971 presso l'Università degli Studi di Milano, come fece a suo tempo anche il suo famoso maestro Ludovico Geymonat. Ha quindi insegnato dapprima Meccanica Razionale presso la Facoltà di Ingegneria dell'Università degli studi di Pavia, per poi passare alla Facoltà di Scienze presso l'Università degli Studi di Catania, a quella di Scienze naturali presso l'Università dell'Insubria e al Politecnico di Milano. Attualmente ricopre la cattedra di Filosofia della scienza che fu di Ludovico Geymonat all'Università degli Studi di Milano; è stato inoltre Presidente della Società Italiana di Logica e Filosofia della Scienza. Dirige, presso l'editore Raffaello Cortina di Milano, la collana Scienza e idee. Collabora, come elzevirista, alle pagine culturali del quotidiano milanese Corriere della Sera. Tra i suoi numerosi saggi: “Di nessuna chiesa” (2005), “La scienza tra le nuvole. Da Pippo Newton a Mr Fantastic” (2007), “Libertà. Un manifesto per credenti e non credenti” (con Dario Antiseri, 2008), “Lo scimmione intelligente” (con Edoardo Boncinelli, 2009) e “Lussuria” (2010).






Questo è un articolo pubblicato il 08-10-2010 alle 17:30 sul giornale del 09 ottobre 2010 - 986 letture

In questo articolo si parla di università, università politecnica delle marche, ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c44





logoEV
logoEV