Corte dei Conti: inaugurato l'anno giudiziario 2011

Cortedeiconti Maurizio Mirabella 2' di lettura Ancona 11/03/2011 -

E' stato inaugurato venerdì mattina il nuovo anno giudiziario 2011 della Corte dei Conti della Regione Marche. All'evento sono intervenuti il presidente della Corte dei Conti, Anna Maria Giorgione, e il procuratore regionale, Maurizio Mirabella.



Un tradizione significativa, quello dell'apertura del nuovo anno giudiziario, che tira le somme dell'anno passato e guarda al futuro ponendosi nuovi obiettivi e nuove sfide.

Il presidente Anna Maria Giorgione ha ricordato la ricorrenza quest'anno dei 150 anni d'Italia e l'istituzione di questa festa il prossimo 17 marzo. Ciò per sottolineare che solo 1 anno dopo, nel 1962, veniva istituita la Corte dei Conti, nata, secondo il pensiero di Cavour, con lo scopo di “controllare in modo preventivo e consuntivo una inamovibile magistratura”.

L'Unità d'Italia – ha detto la Giorgione – ha ragioni storiche profonde e grazie alla Costituzione tutela principi come la separazione dei poteri e l'indipendenza della Magistratura non come un privilegio della stessa, ma piuttosto come garanzia per i cittadini.”

E' proprio con uno spirito unitario – ha affermato ancora la Giorgione – che la Corte dei Conti, nata per vigilare sulle amministrazioni dello Stato per prevenire ed impedire sperperi e cattive gestioni, ha dato e darà attenzione per contrastare le frodi. Il tutto tenendo un carattere unitario, agendo in totale legalità e cercando di riportare alla luce l'etica pubblica, quella che mira non ad interessi privati, ma collettivi.”

Il procuratore regionale Mirabella, al suo secondo anno in Ancona, ha sottolineato che in un clima di crisi generale che ha colpito anche le Marche vi è purtroppo una mancanza di valori e di fiducia nell'azione della Procura contro lo spreco delle risorse pubbliche e nell'azione di contrasto alla cattiva gestione.


La Corte dei Conti – ha affermato Maurizio Mirabellapersegue coloro che hanno prodotto un danno erariale nell'esercizio delle loro funzioni, ma nel panorama attuale assistiamo sempre più alla richiesta dello svolgimento di funzioni e servizi all'esterno dei servizi pubblici che li richiedono. Complicando ed intrecciando pubblico e privato e portando a ipotesi diverse, ma soprattutto a diversi uffici di giudizio."

Si è parlato anche del recente decreto "Milleproroghe" a riguardo dello stato di emergenza, del forte incremento del 30% della corruzione in Italia, della Convenzione penale di Strasburgo non integrata nel sistema penale italiano, della forte minaccia dell'evasione fiscale ai danni dello Stato, ma anche del tema caldo del processo breve a cui si è proposta una norma transitoria.

Dopo i ringraziamenti, il procuratore Mirabella ha dichiarato aperto l'anno giudiziario 2011 con i migliori auguri.








Questo è un articolo pubblicato il 11-03-2011 alle 19:36 sul giornale del 12 marzo 2011 - 4879 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, marche, maurizio mirabella, laura rotoloni, cortedeiconti, procuratore regionale, anna maria giorgione, presidente corte dei conti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/inU





logoEV