contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
comunicato stampa

Camerano: atti vandalici e mancanza di senso civico

1' di lettura
1231

Camerano: staccionate distrutte
Staccionate sradicate rotte e portate via, lampioni e panchine danneggiati, aiuole usate come bagni, migliaia di bottiglie, bicchieri, sigarette e cartacce gettate a terra, escrementi di cani lasciati ogni dove, piante divelte, auto parcheggiate in mezzo alla strada, accatastamento di materiale in pieno centro: è questo il triste scenario con cui, quotidianamente, si trova a fare i conti l’Amministrazione Comunale.

L’altra notte sono state distrutte tutte le staccionate sotto il Palazzo Comunale con danni ingenti, per una piccola Amministrazione come la nostra, che purtroppo bloccheranno l’avvio di altre manutenzioni che l’ufficio tecnico Comunale aveva in programma. Da alcuni anni sembra che alcuni luoghi significativi di Camerano siano stati presi di mira in modo sistematico e con modalità che si possono definire ossessive e maniacali. Con le poche risorse economiche a disposizione si cerca periodicamente di restituire al paese quel magnifico patrimonio ambientale che possiede, ma purtroppo puntualmente il tutto viene vanificato dall’inciviltà di poche persone.

Qui la politica e la buona o cattiva gestione dei beni comuni c’entrano ben poco, l’unica responsabile è l’ineducazione e l’omertà di alcuni. E’ triste dover constatare che la piaga del vandalismo è ancora dura a morire e la tendenza a rovinare il patrimonio collettivo sia ancora un argomento di cui discutere!! Chiediamo a tutti i cittadini di agevolare il compito delle Forze dell'Ordine, vigilando e denunciando ogni attività di danneggiamento: la proprietà pubblica è di tutti e quindi, è responsabilità di ciascuno di noi averne cura e soprattutto serve un maggiore senso civico da parte di ciascuno.



... Camerano: staccionate distrutte


Camerano: staccionate distrutte

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-06-2013 alle 10:45 sul giornale del 27 giugno 2013 - 1231 letture