Un percorso della memoria. Il Rabbino Laras interviene ad Ancona

4' di lettura Ancona 21/10/2014 - Un percorso della Memoria “Dalle radici dell’antisemitismo alla Shoah. La Memoria del passato per lo sviluppo di una coscienza europea”. Lunedì 20 ottobre presso la Facoltà di Economia “Giorgio Fua’” il Rav Giuseppe Laras, Rabbino di Ancona ha partecipato al percorso della Memoria con una lezione dal titolo "Una testimonianza".

Il Rabbino Giuseppe Laras, una delle figure più importanti del dialogo ebraico-cristiano e del confronto fra cultura laica e cultura religiosa in Italia e in Europa, ha offerto una 'testimonianza' del clima che si viveva in Italia dopo le leggi razziali del 1938 e di quanto è accaduto in conseguenza delle persecuzioni, delle deportazioni e delle uccisioni di milioni di ebrei ad opera della Repubblica Sociale Italiana, presieduta da Mussolini, e del regime nazista. Ha reso partecipi i presenti del clima di 'indifferenza' che caratterizzò inizialmente la società italiana dal 1938 al 1943, verso le discriminazioni antisemite e del clima di paura, di 'delazione' e di volontà di annientamento che contraddistinse gli ultimi anni della guerra (dal 1943 al 1945). L'inferno nazista rappresentò un evento non descrivibile, di portata mostruosa, la 'SHOAH', che distrusse oltre 10 milioni di vite (di cui sei milioni di ebrei); i sopravvissuti per alcuni decenni non ebbero la forza di parlarne. Solo da poco si è preso a raccontare , a descrivere le proprie biografie, i propri lutti, le proprie esperienze 'disumane'. "Ora è il tempo di parlare" ha sottolineato Giuseppe Laras, che ha descritto quegli anni, tramite il racconto autobiografico: dall'isolamento di lui bambino dopo il 1938, alla fuga con la famiglia per sottrarsi ai fascisti, alla cattura della madre e della nonna, 'vendute' ai fascisti per via di una spiata, alla deportazione ed all'uccisione della madre e della nonna materna in un campo di sterminio nazista, al ritorno assai doloroso alla vita 'normale' dopo la guerra...

Una grande commozione generale ha pervaso la sala, un silenzio straordinario ha accompagnato la narrazione di Rav Giuseppe Laras per oltre un'ora: un silenzio denso e assordante. Il commento finale di una studentessa ha sintetizzato in modo mirabile il significato dell'incontro: "non c'è lettura o studio che ci possa dare quanto ci viene trasmesso da una testimonianza così preziosa !". Questo evento ha completato un percorso di lezioni che hanno fatto parte di un progetto dell’ ’Università Politecnica delle Marche che, con la Facoltà di Economia “Giorgio Fuà”, ha proposto un percorso della Memoria, aperto a tutti. Le lezioni di approfondimento sono state tenute da storici e da esperti della Shoah; percorso iniziato a fine settembre e che si concluderà con il viaggio a Cracovia, Auschwitz- Birkenau dal 28-31 ottobre al quale parteciperanno 45 studenti selezionati, delle 5 aree didattiche dell’Ateneo.

GIUSEPPE LARAS Laureato in Giurisprudenza, in Filosofia e negli Studi Rabbinici. - Ha esordito come Rabbino nel 1959, nella Comunità Ebraica di Ancona, dove è rimasto fino al 1968; quindi è diventato Rabbino nella Comunità di Livorno dove è rimasto fino al 1980. In seguito è stato Rabbino Capo della Comunità di Milano per venticinque anni, dal 1980 fino al 2005. Dal 2011 è Rabbino della Comunità Ebraica di Ancona. - Dopo aver presieduto per molti anni l’Assemblea Rabbinica Italiana, oggi ne è Presidente Emerito e Onorario. - E’ Presidente del Tribunale Rabbinico del Centro Nord Italia. - E’ Presidente del Comitato Scientifico della Fondazione Maimonide, una Fondazione culturale da lui profondamente voluta. - E’ Professore Emerito di Storia del Pensiero Ebraico presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Statale di Milano . - Grande studioso del pensiero ebraico medioevale e rinascimentale; fra i più importanti conoscitori e interpreti del pensiero di Maimonide, il famoso filosofo, rabbino e medico spagnolo del dodicesimo secolo, nato a Cordova nel 1138 e morto a Il Cairo nel 1204, che ha lasciato un segno profondo nel pensiero ebraico. - Insieme al cardinale Carlo Maria Martini ed a Paolo De Benedetti, Giuseppe Laras è una figura chiave in Italia, e in Europa,del dialogo ebraico-cristiano , così come del confronto e del dialogo tra cultura laica e religiosa. - Molte pubblicazioni di carattere storico, filosofico e religioso. Citiamo solo alcune fra le più recenti: “Il problema della teodicea. La Shoah tra teologia ed etica” (2003) “L’amore nel pensiero ebraico” (2005) “Meglio in due che da soli. L’amore nel pensiero di Israele” (2009) “I Comandamenti. Onora il padre e la madre” (con Chiara Saraceno), (2010) “Ricordati dei giorni del mondo” due volumi: ‘Storia del pensiero ebraico dalle origini all’età moderna’ e ‘Storia del pensiero ebraico dall’Illuminismo all’età contemporanea (ottobre 2014)






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-10-2014 alle 17:45 sul giornale del 22 ottobre 2014 - 1503 letture

In questo articolo si parla di attualità, università, università politecnica delle marche, ancona, univpm

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aaoc





logoEV
logoEV
logoEV