contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
comunicato stampa

Rientrata ad Ancona la Motovedetta in missione a Lampedusa

1' di lettura
1578

Ha fatto rientro nel porto di Ancona, oggi 18 dicembre, la motovedetta CP 285, pattugliatore d’altura della classe “200” della Capitaneria di Porto-Guardia Costiera di Ancona.

L’unità è stata rischierata – dal 2 ottobre al 14 dicembre scorso – presso il porto di Lampedusa, ed ha partecipato all’Operazione “Mare Nostrum” (successivamente ridenominata “Triton”), dispositivo aeronavale nato per fronteggiare lo stato di emergenza umanitaria in corso nello Stretto di Sicilia, dovuto all’eccezionale afflusso di migranti. Nel periodo di impiego a Lampedusa, la motovedetta CP 285 ha partecipato alle molteplici attività della 7a Squadriglia della Guardia Costiera italiana qui ubicata. L’unità, in particolare, ha svolto 20 missioni di controllo e ricerca di immigrati nell’area del basso Mediterraneo centrale, frequentemente effettuate con condizioni meteo marine non favorevoli.

L’importante lavoro svolto emerge dai seguenti dati: oltre 2000 miglia nautiche percorse nelle 250 ore circa di navigazione effettuate (delle quali oltre 200 in orario notturno), con attiva partecipazione nelle operazioni di recupero di 850 tra migranti, rifugiati e profughi, provenienti principalmente da Paesi sub-sahariani e dalla Siria, aree tristemente note per essere afflitte in questi ultimi anni, dal 2011 in particolare, da violenti ed aspri conflitti interni.

Al termine del periodo trascorso nel canale di Sicilia, il Comandante e l’equipaggio dell’unità, hanno ricevuto i complimenti ed un plauso per l’ottimo lavoro svolto dal Comandante della 7a Squadriglia della Guardia Costiera di Lampedusa, mentre, al rientro in sede, questa mattina sono stati accolti con un caloroso saluto di bentornati da parte del Direttore Marittimo delle Marche e Comandante del Porto di Ancona, Contrammiraglio Francesco Saverio Ferrara.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-12-2014 alle 16:27 sul giornale del 19 dicembre 2014 - 1578 letture