contatore accessi free

"No all'accorpamento delle Autorità Portuali". Anche CNA difende l’autonomia del Porto di Ancona

Porto di Ancona 1' di lettura Ancona 07/07/2015 - Cna ribadisce il proprio NO in merito alla questione dell’accorpamento delle Autorità Portuali. Aveva in effetti già ribadito la propria netta contrarietà in riferimento all’ipotesi assurda dei 4 porti del Medio Alto Adriatico.

Ora, secondo la confederazione degli artigiani e delle piccole e medie imprese, la proposta dell’unificazione Ancona - Ravenna assume il sapore di una beffa a guardare le dichiarazioni precedenti di esponenti vicini al Governo che rassicuravano la comunità locale sulla permanenza dell’A.P. ad Ancona. Cna non aggiunge nulla a quanto già dichiarato da esponenti istituzionali e da altre associazioni, ma rimarca il fatto che tali scelte sono ispirate da logiche di presunta razionalizzazione che con la razionalità economica hanno poco a che vedere (più forse con ragioni di propaganda demagogica).

“Siamo assolutamente convinti – dice la Cna provinciale di Ancona - della necessità che la governance della più grande attività economica delle Marche debba rimanere ancorata al territorio. Siamo disponibili, qualora fosse necessario, e ci auguriamo fortemente di no, ad una mobilitazione straordinaria non solo istituzionale ma delle categorie economiche e sociali della Regione e della città al fine di salvaguardare un patrimonio decisivo per lo sviluppo del territorio. Su questo crediamo che si possa e si debba agire in sinergia ed unità con Ravenna che ha le nostre stesse preoccupazioni ed interessi”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-07-2015 alle 18:27 sul giornale del 08 luglio 2015 - 949 letture

In questo articolo si parla di porto, attualità, artigianato, ancona, cna, porto di ancona, cna ancona, porto dorico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/alDf