contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CULTURA
comunicato stampa

Partecipanti da tutta la Macroregione per "Quality of Life Technology: Good Practices and Funding Opportunities"

3' di lettura
1242

Innovare e rendere sostenibile il sistema sanitario e socio-assistenzale sono due delle principali sfide per il futuro del nostro welfare. Le tecnologie applicate alla salute contribuiranno a migliorare il controllo e l’autogestione della malattia, liberare risorse, abbattere le liste d’attesa ed aumentare la qualità dei servizi socio-sanitari.

E’ una rivoluzione simile a quella di fare il biglietto dell’aereo seduti sulla poltrona di casa, anziché recarsi in agenzia. Impensabile fino a qualche anno fa e adesso una realtà irrinunciabile. Il futuro sulle nuove tecnologie per l’assistenza e le cure domiciliari è stato presentato il 7 e 8 settembre 2015 presso l’Aula Magna del Rettorato dell’Università Politecnica delle Marche, dove si è svolta un’importante conferenza internazionale di presentazione delle tecnologie all’avanguardia nel panorama europeo sulla tele-assistenza, tele-medicina, i sistemi domotici e le reti integrate di servizi domiciliari; una sfida per rendere le prestazioni mediche e assistenziali accessibili a tutti, con qualità e affidabilità elevate e costi ridotti. Soluzioni che potranno, anzi saranno, nell’immediato futuro integrate nei servizi sanitari e assistenziali per incrementare il benessere e la salute di tutti gli abitanti delle Marche, senza incrementi della spesa pubblica, ma addirittura con riduzione della stessa.

Come evidenziato dal Rettore Longhi “in questa conferenza si è affrontato il problema della sostenibilità del sistema sanitario, presentando una serie di buone pratiche riguardanti le tecnologie, l’Ambient Assisted Living, la robotica assistiva e i Big Data, come strumenti per rendere un sistema sanitario efficace ed efficiente. Nell’incontro è stato evidenziato il ruolo centrale delle reti tra università, imprese, attori pubblici e privati coinvolti nell’assistenza sanitaria, al fine di creare e sperimentare. Infatti solo con la sperimentazione sul campo sarà possibile trasformare una invenzione in una innovazione e di conseguenza in un prodotto e in un servizio”. La conferenza, dal titolo “Quality of Life Technology: Good Practices and Funding Opportunities” ha avviato un confronto sulle tecnologie a supporto dei servizi sociali e sanitari, tema al centro del progetto AdriHealthMob. Nella seconda giornata sono intervenuti rappresentanti delle autorità di gestione dei programmi di cooperazione transnazionale MED, ADRION, IPA e CBC per la presentazione delle opportunità di finanziamento. Sono state inoltre presentate le opportunità in termini di progetti europei in ambito Horizon 2020, Ambient Assisted Living (AAL) ed altre opportunità di finanziamento su tecnologia e salute, grazie alla partecipazione dell’Agenzia APRE, CNR e HiMsa Bruxelles .

La conferenza si è aperta con i saluti dell’Assessore Regionale alle Politiche Comunitarie, dott.ssa Manuela Bora, del Rettore UNIVPM, professor Sauro Longhi e del Presidente del Forum delle Camere di Commercio della Macro-Regione Adriatico Ionica nonché Presidente dell’Autorità Portuale di Ancona, dottor Rodolfo Giampieri . Hanno preso parte alla conferenza circa 200 partecipanti provenienti in buona parte dai Paesi che si affacciano sull’Adriatico e da altri Paesi europei.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-09-2015 alle 14:47 sul giornale del 09 settembre 2015 - 1242 letture