contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CULTURA
comunicato stampa

Chiuso il 31esimo Congresso ISSSS, un confronto sulla Metodologia "Q"

2' di lettura
1080

rettore Sauro Loghi, Univpm

Ottanta studiosi provenienti da tutto il mondo si sono confrontati sulla Metodologia Q per l’analisi della soggettività umana in variati campi di ricerca, dall’analisi del consumatore all’analisi più propriamente ambientali.

Si è appena concluso il 31° Congresso della Società Internazionale per lo Studio Scientifico della Soggettività (ISSSS), tenutosi ad Ancona presso gli Hotel Seeport e NH dal 14 al 17 settembre. La società che raggruppa studiosi di diverse discipline (psicologia, sociologia, pedagogia, comunicazione, marketing e altre scienze sociali) ha scelto Ancona per tenere il suo Congresso annuale (Q Conference) in quanto il Gruppo di Ricerca di Economia, Politiche e Marketing Agro-ambientali delll’Università Politecnica delle Marche diretto dal Prof. Raffaele Zanoli è l’unico in Italia ad utilizzare la Metodologia Q per l’analisi della soggettività umana in variati campi di ricerca, dall’analisi del consumatore all’analisi più propriamente ambientali.

I Proff. Raffaele Zanoli e Simona Naspetti, responsabili del Comitato Organizzatore per l' Università Politecnica delle Marche, hanno sottolineato il successo del Congresso, a cui hanno partecipato più di 80 studiosi provenienti da tutto il mondo e, in particolare, dagli Stati Uniti e dall’Inghilterra. Il Rettore, Prof. Sauro Longhi, nel portare i saluti dell'Università ha sottolineato l'importanza dell'interdisciplinarietà e della "contaminazione" tra diversi saperi, che rappresentano la peculiarità degli studi sulla soggettività umana. Il presidente della Società, Prof. Stephen Jeffares, della Scuola di Scienze Politiche dell’Università di Birmingham, ha ricordato come lo studio della soggettività umana riguarda tutti i campi del sapere, anche le cosiddette scienze esatte, in quanto la scienza, anche quando cerca di essere “oggettiva”, non è mai “neutrale” ed è importante riconoscere e studiare con rigore scientifico i punti di vista soggettivi che coinvolgono gli stessi ricercatori, oltre che gli oggetti studiati.

Il prof. Paul Stenner dell’Open University, ha svolto la lezione introduttiva del Convegno sul tema del riconoscimento dell’approccio Q come metodo costruttivista in cui le visioni multiple del reale costruiscono creativamente il sapere. In altre parole, sulla scorta della critica Popperiana alla scienza, non esistono fatti o dati "nudi", ovvero a prescindere dalle teorie. Al contrario, ogni osservazione, è ritenuta possibile solo alla luce di teorie, e nessuna conoscenza è data oggettivamente, ma è sempre sviluppo di una conoscenza precedente, in cui il punto di vista di “chi osserva” (compreso lo scienziato) è parte integrante dell’osservazione stessa. Utilizzando la metodologia Q - un metodo di ricerca quali-quantitativo che si basa sull’analisi di un campione di significati estratto dall’universo della comunicabilità su un dato oggetto/soggetto – si rende la soggettività “operante”, cioè espressione della naturale interazione di un soggetto con l’ambiente che lo circonda. Non si tratta quindi di un inconoscibile costrutto inconscio, ma di una precisa manifestazione che può essere analizzata e studiata.



rettore Sauro Loghi, Univpm

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-09-2015 alle 14:14 sul giornale del 22 settembre 2015 - 1080 letture