contatore accessi free

Teatro del Canguro: domeniche a teatro, 27 novembre storie appese ad un filo

teatro 2' di lettura Ancona 24/11/2011 -

Domenica 27 Novembre, ore 17 ad Ancona, "Storie appese ad un filo" con il Teatro del Canguro. Uno spettacolo teatrale per bambini dai 5 anni. Una domenica a teatro per famiglie e bambini, quello Sperimentale "L.Arena"  via Redipuglia 59.



STORIE APPESE A UN FILOTeatro del Canguro di Nicoletta Briganti, Renato Patarca, Lino Terra, Natascia Zanni con Nicoletta Briganti, Rebecca Murgi, Marco Marconi, Lorella Rinaldi regia Lino Terra musiche Luca Losacco durata 50’. C’era una volta una corda, una povera corda che, per troppa fretta o per troppa distrazione, si era irrimediabilmente confusa, arruffata, attorcigliata, imbrogliata, ingarbugliata, avvolta su se stessa, appallottolata. Questo può capitare spesso e non solo alle corde: può succedere a tutti di cadere in una grande confusione così come si piomba giù da un precipizio per accorgesi poi di quanto sia difficile risalire. Quando questo succede non è facile ritrovare il “bandolo della matassa”, sarebbe a dire che, ad esempio, per la nostra corda attorcigliata non è facile riconoscere il suo capo e la sua coda. Occorre dipanare bene ogni intreccio ed assecondare ogni più piccola curva se si vuole arrivare… alla fine della storia.

E’ necessario “tirare tutti i fili” affinché si possano comprendere fino in fondo le vicende che accompagnano i tanti intrichi e i tanti misteriosi grovigli. La corda pian piano prova a srotolarsi e, come un serpente avvinghiato su di un ramo, cerca la strada più giusta verso l’alto o verso il basso o verso la parte che sembra più idonea per procedere spedita “incontro al suo destino”. L’ assistono due attori – animatori che, a seconda delle forme che la corda assume nel suo percorso, e a seconda di ciò che s’incontra lungo il cammino, troveranno lo spunto per raccontare altri personaggi, altri luoghi e situazioni, altre piccole storie.

Storie appese al filo come i panni stesi al sole ad asciugare…parole che si rincorrono come una matassa che si distende e che pian piano ritrova la sua lineare conclusione, frasi sospese che possono anche andare contro senso. Lo spettacolo cerca di coinvolgere i bambini attraverso un linguaggio surreale e divertente che ricorda quello usato per gioco dai più piccoli, dove la parola può assumere un senso diverso, esasperato e/o distorto e/o assurdo. La storia prende forma grazie ad alcuni meccanismi tipici delle filastrocche e dei racconti per l’infanzia come l’associazione di idee, di immagini e di rime più o meno logiche. Alla fine, così come si dipanerà la matassa, anche il racconto giungerà ad una sua ragionevole conclusione. domeniche 27 Novembre 2011 Teatro Sperimentale ore 17








Questo è un articolo pubblicato il 24-11-2011 alle 17:57 sul giornale del 26 novembre 2011 - 725 letture

In questo articolo si parla di teatro, bambini, teatro del canguro, ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/r78





logoEV
logoEV