contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Chiara Rivosecchi e Pamela Lattanzi vincono Famelab Ancona

3' di lettura
98

Il talent show internazionale della comunicazione scientifica ha fatto tappa all’Università Politecnica delle Marche. A sfidarsi 6 giovani provenienti dall’UnivPM e dall’IRBIM CNR

L’Università Politecnica delle Marche ha ospitato giovedì 18 maggio 2023, la tappa di FameLab Ancona, la competizione internazionale rivolta a giovani ricercatrici e ricercatori che si occupano di scienza e tecnologia e hanno il talento della comunicazione. L’Università Politecnica delle Marche ha ospitato, giovedì 18 maggio 2023, la tappa di FameLab Ancona, la competizione internazionale rivolta a giovani ricercatrici e ricercatori che si occupano di scienza e tecnologia e hanno il talento della comunicazione.

Tre minuti e una manciata di parole per comunicare al grande pubblico un argomento scientifico e appassionarlo. Per l’undicesimo anno consecutivo l’Univpm ospita la tappa del talent show della scienza, in aula Magna ad Agraria, nel Polo Monte Dago di Ancona, in contemporanea in altre 11 città. A sfidarsi 6 giovani provenienti dall’UnivPM e dall’IRBIM CNR: Chiara Rivosecchi, Andrea Torosoni e Ancuta Nartea del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali dell’Unvipm e Naomi Massaccesi, Marina Chiappi e Pamela Lattanzi di Irbim Cnr Ancona.

“Le ricerche, i progetti, i lavori scientifici non vanno solo riconosciuti e sostenuti ma anche comunicati – afferma il Rettore Prof. Gian Luca Gregori. Quindi diviene fondamentale condividere con tutti scoperte e idee nuove, diffondere i risultati ottenuti sul piano della ricerca, per appassionare nuove menti e diffondere le eccellenze che oggi troviamo all’interno delle nostre Università. Famelab va in questa direzione, far scoprire le attività di ricerca dei nostri atenei e incoraggiare giovani ricercatrici e ricercatori a condividere le proprie passioni”.

La sfida è raccontare la scienza in tre minuti: i concorrenti devono presentare un argomento in modo chiaro, coinvolgente e comprensibile anche a un pubblico di non esperti, senza l'ausilio di proiezioni, grafici o video. In soli tre minuti i partecipanti dovranno esprimere il proprio talento comunicativo, convincere la giuria e trasmettere il fascino della ricerca. La competizione è un evento speciale e originale per diffondere la propria attività di ricerca.

In giuria Debora Pacetti vice direttrice del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali, Maura Mengoni docente del Dipartimento di Ingegneria Industriale, Marco Giuliani docente del Dipartimento di Management, Monica Panfili Biologa Irbim Cnr e Cristina Gregori giornalista e conduttrice radio-tv. Tra il pubblico studenti e studentesse degli Istituti Bettino Padovano di Senigallia e il Podesti Calzecchi Onesti di Chiaravalle

Le prime due classificate a Famelab Ancona sono Chiara Rivosecchi e Pamela Lattanzi, terza classificata Ancuta Nartea. Chiara Rivosecchi è una ricercatrice di Agraria e ha raccontato come le piante comunicano mentre Pamela Lattanzi ha parlato di data science legatilegatolegato alla pesca.

Entrambe accederanno a una masterclass internazionale in comunicazione della scienza che si terrà a Perugia dal 9 all’11 giugno 2023, e alla finale nazionale in programma il 30 settembre sempre a Perugia che concluderà gli eventi della maratona SHARPER – Notte Europea dei Ricercatori. Il vincitore italiano gareggerà per diventare campione mondiale 2023 alla finale internazionale online in programma il 24 novembre 2023 e si aggiudicherà l’accesso alla finale internazionale e un premio di 1500 euro.

L’evento che ha una dimensione globale è organizzato dal 2012 in Italia da Psiquadro in collaborazione con il Cheltenham Festivals, ideatore del formato, e in partnership con oltre 100 partner tra cui numerose Università, Enti di Ricerca pubblici e privati. L'Università Politecnica delle Marche ha coordinato la selezione di Ancona in collaborazione con CNR - IRBIM, Fosforo e Radio Arancia.





Questo è un articolo pubblicato il 19-05-2023 alle 12:25 sul giornale del 20 maggio 2023 - 98 letture






qrcode